Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Veneto: l’acqua ha bisogno di nuovi spazi

colonna Sinistra
Venerdì 13 maggio 2022 - 13:07

Veneto: l’acqua ha bisogno di nuovi spazi

Convegno a Padova su territorio e cambiamenti climatici

Padova, 13 mag. (askanews) – I cambiamenti climatici impongono un generale ripensamento nella gestione della risorsa idrica. Se da un lato i lunghi periodi siccitosi richiedono nuove strategie di efficientamento nell’utilizzo dell’acqua e al contempo una maggiore capacità di immagazzinare risorsa per riutilizzarla nei periodi più secchi, dall’altro, le violente precipitazioni che si concentrano in periodi di tempo molto ristretti impongono nuove strategie per la sicurezza idraulica dei territori sia in fase di prevenzione che in fase di progettazione di nuove abitazioni, quartieri e infrastrutture.


In ogni caso il tema è sempre lo stesso: l’acqua ha bisogno di spazio. Ha bisogno di spazio per non creare danni a campagne e centri abitati quando scende in abbondanza, ma ha anche bisogno di spazio per essere conservata e riutilizzata quando serve. Oggi appena il 5% dell’acqua piovana rimane nei territori, il resto è disperso a mare. Un patrimonio di acqua dolce che non può più essere sprecato e richiede un aumento della capacità di invaso regionale ottenibile grazie alla realizzazione di nuovi bacini multi obiettivo di varie dimensioni.



Questi temi sono al centro del convegno “Nuovi spazi per l’acqua. Ridisegnare il territorio in risposta ai cambiamenti climatici” organizzato da ANBI Veneto e Consorzio di Bonifica Bacchiglione, in collaborazione con Università degli Studi di Padova, che si terrà martedì 17 maggio 2022, presso l’auditorium dell’Orto Botanico di Padova con inizio alle ore 9.00. La mattinata prevede relazioni di scenario ad opera del Consorzio Bacchiglione, ANBI e docenti universitari, e una tavola rotonda con rappresentanti di enti tra i quali la Regione del Veneto, le Organizzazioni Agricole e l’Autorità di Bacino Alpi Orientali oltre ai rappresentanti degli enti promotori. Tra i relatori figurano il direttore generale di ANBI Massimo Gargano e il presidente della Commissione Agricoltura del Senato Gianpaolo Vallardi, oltre ai vertici del Consorzio di Bonifica Bacchiglione, con il presidente Paolo Ferraresso e il Direttore Francesco Veronese, al presidente di ANBI Veneto Francesco Cazzaro e alla docente dell’Università di Padova Elisabetta Novello, docente di storia della bonifica e curatrice del Festival della Bonifica.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su