Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Istruzione, a Comuni lombardi 96 mln per servizi in fascia 0-6 anni

colonna Sinistra
Giovedì 12 maggio 2022 - 17:43

Istruzione, a Comuni lombardi 96 mln per servizi in fascia 0-6 anni

Risorse statali per 2021 e 2022, su base programmazione regionale

Istruzione, a Comuni lombardi 96 mln per servizi in fascia 0-6 anni
Milano, 12 mag. (askanews) – Via libera dal Ministero dell’Istruzione all’erogazione delle risorse del Fondo statale per i servizi 0-6 anni delle annualità 2021 e 2022, secondo le priorità già programmate da Regione Lombardia. A breve i circa 1.100 Comuni lombardi che hanno attivi servizi rivolti a bambine e bambini da 0 a 3 anni – e dunque asili nido, micronidi, nidi famiglia e centri prima infanzia comunali e privati – e da 3 a 6 anni – nelle scuole dell’infanzia paritarie, comunali e private – riceveranno le relative risorse statali per gli anni 2021 e 2022, sulla base della Programmazione che Regione Lombardia aveva già approvato nel mese di novembre 2021.


Le risorse permetteranno di sostenere i servizi educativi a livello territoriale e di raggiungere l’obiettivo di garantire che almeno il 33% della popolazione sotto i tre anni a livello regionale acceda ai servizi per la prima infanzia, in coerenza con gli standard della Comunità Europea e oltre la media nazionale, che si attesta al 27%. Sono oltre 481 mila i bambini e bambine residenti in Comuni lombardi che hanno attivato almeno uno dei servizi 0-6 anni. A oggi, i servizi per la prima infanzia coprono circa il 32% della popolazione di età compresa da zero a tre anni. La rete dei servizi rivolti alla prima infanzia è costituita da 1.818 asili nido, 256 micronidi, 275 nidi famiglia e 82 centri prima infanzia, per un totale di 2.431 unità e un’offerta di 63.891 posti.



“Si tratta di risorse importanti – ha commentato l’assessore all’Istruzione di Regione Lombardia, Fabrizio Sala – di cui i nostri Comuni hanno sempre più bisogno. Tra le priorità di intervento abbiamo identificato il sostegno alla qualificazione del personale educativo e docente; la promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali o ancora la stabilizzazione e il potenziamento delle sezioni primavera, per superare progressivamente gli anticipi di iscrizione alla scuola dell’infanzia”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su