Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • ‘Ndrangheta, sequestrati beni per 3 milioni a Roma

colonna Sinistra
Venerdì 18 marzo 2022 - 11:27

‘Ndrangheta, sequestrati beni per 3 milioni a Roma

Operazione 'Ragnatela' della Polizia di Stato

Roma, 18 mar. (askanews) – Sequestro beni e proprietà per 3 milioni di euro a uomini ritenuti vicini alla ‘Ndrangheta. Il provvedimento è stato deciso dal tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di due persone legate alla al mandamento tirrenico ed alla famiglia Piromalli di Gioia Tauro. La misura, eseguita dalla Polizia di Stato, è scattata nei confronti di C. A., di anni 61, dei Mammoliti di Castellace di Oppido Mamertina. L’uomo è risultato coinvolto in episodi di bancarotta fraudolenta. Analoga decisione adottata per F. G., romano, usuraio di 70 anni, legato in passato a figure che gravitavano intorno a Cosa Nostra, Camorra e Banda della Magliana.


Gli investigatori hanno messo i sigilli alle partecipazioni di una società di capitali con sede a Roma, attiva nel settore immobiliare; sequestrato anche un complesso immobiliare nella Capitale, ad una struttura destinata ad un albergo-ristorante nella zona di Rocca di Papa e bloccati immobili a Gioia Tauro. Le indagini patrimoniali avviate dalla Divisione anticrimine ed hanno ricostruito la “carriera criminale” e l’analisi delle posizioni economico-patrimoniali degli interessati insieme a quelle dei rispettivi nuclei familiari.



Le indagini patrimoniali sono state coordinate da Angela Altamura. L’attività – si spiega – è tesa all’aggressione di patrimoni accumulati in modo illecito dalla criminalità organizzata. In breve è stato evidenziata una rilevante sproporzione tra i beni posseduti, direttamente o per interposti fittizi, e i redditi dichiarati e l’attività economica svolta, tale da far ritenere che siano il frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego. (Segue)




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su