Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Omicidio Macerata, pg: solo Oseghale sa cosa è avvenuto

colonna Sinistra
Mercoledì 23 febbraio 2022 - 13:36

Omicidio Macerata, pg: solo Oseghale sa cosa è avvenuto

"Decesso causato da precise coltellate al fegato"

Roma, 23 feb. (askanews) – “Solo Innocent Oseghale sa cosa sia avvenuto quel giorno. Solo lui potrebbe chiarire gli aspetti irrisolti di questa vicenda tragica. Ma non ha mai collaborato per ricostruire la verità”. Così ha detto il sostituto procuratore generale della Cassazione, Maria Francesca Loy, davanti ai giudici della I sezione penale della Suprema corte nell’ambito del processo per l’omicidio di Pamela Mastropietro.


L’immigrato di origine nigeriana Oseghale è stato condannato in primo grado ed in appello al massimo della pena. Per lui la rappresentante della pubblica accusa ha chiesto che l’ergastolo diventi definitivo. All’epoca dei fatti Oseghale aveva 29 anni e la vittima 18.



Pamela, di Roma e del quartiere di San Giovanni, era scappata da una comunità di Corridonia. Stava cercando di liberarsi dalla tossicodipendenza, ma stava male. Il 29 gennaio 2018 sceglie di andare via. Vuole tornare a casa? Si allontana senza cellulari né documenti. Incontra un uomo e quello in cambio di un passaggio in auto ne abusa. Lo fa anche un tassista. Passano ore e lei, piccola e minuta, perde il treno per la Capitale e incontra Oseghale.


L’imputato la porta a casa sua e ne approfitta. Forse gli offre della droga in cambio di un rapporto. Di sicuro un amico dell’uomo quando lo chiama al cellulare sente una ragazza piangere in sottofondo. Poi la fine. Pamela viene colpita più volta al corpo con un coltello, al fegato. Muore per emorragia. Il cadavere viene fatto a pezzi e lavato nella candeggina. A quel punto vengono preparati due trolley che verranno poi trovati in una cunetta stradale in località Pollenza, sempre nella provincia di Macerata. Quando arrivano i carabinieri non si trovano in quelle valigette chiuse alcune parti del corpo di Pamela.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su