Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • A Reggio Emilia 15enne arrestato violenza sessuale su compagna di classe

colonna Sinistra
Martedì 1 febbraio 2022 - 15:57

A Reggio Emilia 15enne arrestato violenza sessuale su compagna di classe

Altri due 15enni indagati, per il pm si è trattato di una "condotta da branco"

A Reggio Emilia 15enne arrestato violenza sessuale su compagna di classe
Bologna, 1 feb. (askanews) – Un 15enne è agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Reggio Emilia con l’accusa di violenz<a sessuale ai danni di una compagna di classe. Altri due coetanei risulterebbero indagati con lo stesso capo di imputazione dalla procura minorile di Bologna. Il pm parla di "condotta da branco", mentre secondo l'avvocato del minore, Giacomo Fornaciari, tra i due c'è stato un "rapporto consenziente" come avrebbe riferito anche durante dichiarazioni spontanee durante l'interrogatorio davanti al gip.


La vicenda risale a venerdì quando cinque giovanissimi (tre maschi e due femmine), approfittando di uno sciopero nella scuola superiore della città, hanno deciso di recarsi nella casa di uno di loro, il 15enne che in seguito è stato arrestato, nella periferia di Reggio. Dopo aver bevuto vino e alcolici, dopo una iniziale euforia proseguita con la perdita dei freni inibitori, tra i cinque comincia una serie di approcci terminati in alcuni casi con un rapporto sessuale. E’ quello che accade, secondo una prima ricostruzione, tra la ragazza e uno dei compagni. La stessa ragazza avrebbe avuto a seguire un altro rapporto con il 15enne proprietario di casa, questa volta non consensuale. E’ a quel punto che la ragazza si rivolge alla sorella per chiedere aiuto.



E’ lei, intorno alle 15,20, a chiamare i carabinieri denunciando la violenza sulla sorella. I militari, corsi sul posto, rintracciano il ragazzo accusato nel retro dell’abitazione e lo conducono in caserma. Con lui c’è anche uno degli altri due amici presenti.


Lo studente è arrestato con l’accusa di violenza sessuale aggravata dal fatto che la vittima è minorenne e dall’aver commesso il fatto abusando delle condizioni di inferiorità fisica e psichica della ragazzina dovute al consumo di alcolici.



Agli atti della procura sono stati inseriti anche i messaggi che i due amici si sono scambiati. Continuano le indagini sugli altri due ragazzi presenti in casa.


Pat



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su