Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Dalla Lombardia tre residenze all’università Statale per 25 anni

colonna Sinistra
Giovedì 20 gennaio 2022 - 14:56

Dalla Lombardia tre residenze all’università Statale per 25 anni

Edifici in comodato d'uso serviranno per ospitare gli studenti

Dalla Lombardia tre residenze all’università Statale per 25 anni
Milano, 20 gen. (askanews) – Regione Lombardia ha concesso alla Statale di Milano il comodato d’uso per 25 anni delle residenze universitarie di via Santa Sofia, di via Bassini e di via Plinio. Con questa decisione l’ateneo di partecipare ai bandi di finanziamento nazionali per interventi di riqualificazione. Lo si legge in una nota della Statale. Nello stesso quadro Regione ha erogato un finanziamento di 254mila euro per la residenza di Via Bassini per lo svolgimento di interventi di ristrutturazione.


“La Statale ringrazia Regione Lombardia per il prezioso supporto”, ha detto la prorettrice Marina Brambilla. “Il tema delle residenze è al centro dell’attenzione: per perseguire l’obiettivo di un aumento di 400 posti letto (che porteranno la disponibilità totale a 1.474), l’Ateneo si candiderà al nuovo bando 338 che prevede il cofinanziamento da parte dello Stato per interventi rivolti alla realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari”, ha spiegato la prorettrice.



In questo modo, la Statale punta a raddoppiare i posti in Attendolo Sforza, ad ampliare il Campus Martinitt e a costruire una residenza dedicata nel Campus Mind.


“L’obiettivo di Regione Lombardia è dare un contributo allo svolgimento dei lavori di riqualificazione e di efficientamento energetico in modo da potere migliorare e sviluppare la disponibilità di posti letto per gli studenti a Milano”, ha spiegato l’assessore regionale allo Sviluppo Città Metropolitana, Stefano Bolognini. “E’ lecito aspettarsi che, una volta superata questa fase pandemica, il numero degli studenti che vorranno trasferirsi a Milano per frequentare l’università riprenderà ad aumentare e quindi sarà necessaria un’offerta di alloggi più ampia”, ha concluso Bolognini.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su