Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Campidoglio, con Maxiemendamento manovra a 500 mln, ok Tariffone

colonna Sinistra
Mercoledì 19 gennaio 2022 - 15:07

Campidoglio, con Maxiemendamento manovra a 500 mln, ok Tariffone

67,5 mln in più di spesa corrente, 400 mln per gli investimenti

Roma, 19 gen. (askanews) – Nella seduta odierna, dopo l’approvazione della delibera 1/2022 sulle tariffe dei servizi comunali per l’anno corrente (il cd. Tariffone) con 26 voti favorevoli, 6 contrari e 4 astensioni, l’Assemblea capitolina esamina la proposta 159/2021 recante l’Approvazione del Documento Unico di Programmazione 2022-2024, ultima propedeutica in vista dell’esame della delibera n. 160/2021 con il Bilancio di previsione finanziario 2022-2024. Per quanto riguarda le tariffe, i romani affronteranno spese più contenute per i nidi, più salate per i servizi cimiteriali, mentre nel frattempo è arrivato in Aula Giulio Cesare il Maxiemendamento della Giunta Gualtieri che porta la Manovra 2022 a circa 500 milioni di euro, con un incremento degli investimenti pari a 400 milioni nel triennio e della spesa corrente di 67,5 milioni di euro tra Campidoglio e Municipi per il 2022, in seguito a una revisione complessiva di poste inutilizzate e al recupero di 52 milioni derivanti dalla riconciliazione delle partite debiti-crediti tra Comune e Regione attraverso la gestione commissariale dell’ente, oltre a un aumento.


Per quanto riguarda gli investimenti, il maxiemendamento porta la spesa in conto capitale a 1,8 miliardi, di cui circa 400 milioni di Fondo pluriennale vincolato. Si prevedono, con accordi quadro, 5 milioni per la manutenzione delle scuole e 45 milioni per la manutenzione della rete stradale tra 2022 e 2023. 1,5 milioni vengono destinati all’acquisto di software per la riorganizzazione dei processi e gestione delle procedure urbanistico-edilizie e 45 milioni, nel triennio 2022-2024, per la manutenzione delle metropolitane: 25 milioni per la linea A e 20 per la linea B.



Dei 67,5 milioni di euro in più destinati dal maxiemendamento di Giunta alla spesa corrente, 30 milioni vanno a spese ambientali di cui 17,5 milioni per la cura del verde pubblico, 5 milioni per il rinnovo, la messa in sicurezza e la pulizia delle caditoie stradali e 3 milioni per la grandi viabilità e la mobilità municipale. 15 milioni di euro sono stanziati per calmierare, come previsto dal Tariffone, le rette degli asili nido fino all’azzeramento per le fasce più vulnerabili e 5,5 milioni al dipartimento Patrimonio e politiche abitative per potenziare i processi di digitalizzazione. 2 milioni di euro in più vanno alla Cultura, in aggiunta agli 1,5 milioni già previsti a bilancio. Con un milione viene finanziato l’ufficio capitolino che curerà la candidatura di Roma a Expo 2030 mentre 10 milioni si aggiungono alle risorse già previste per i Municipi.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su