Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • False vaccinazioni a Palermo, arrestata un’altra infermiera

colonna Sinistra
Sabato 15 gennaio 2022 - 10:44

False vaccinazioni a Palermo, arrestata un’altra infermiera

La donna lavorava presso il principale hub dell'Isola

Palermo, 15 gen. (askanews) – Un’infermiera dell’hub vaccinale Fiera del Mediterraneo di Palermo è stata arrestata dalla Digos del capoluogo siciliano con l’accusa di avere fatto finta di inoculare le dosi di vaccino. La donna, che esercita la professione anche presso il Reparto malattie infettive del Civico, è accusata di falso ideologico e peculato. L’infermiera finita ai domiciliari avrebbe praticato, durante un turno di servizio presso l’hub di Palermo, false inoculazioni vaccinali a due coniugi no-vax e avrebbe beneficiato di una falsa dose booster, somministrata da una collega già arrestata lo scorso dicembre. È stata proprio quest’ultima a raccontare i fatti agli inquirenti.


Fondamentali, anche in questo caso, le videoriprese effettuate presso la Fiera del Mediterraneo. I coniugi no-vax sono indagati per concorso in peculato e falso ideologico. Il sistema utilizzato era sempre lo stesso: ovvero lo sversamento della dose vaccinale in una garza e una finta iniezione, praticata sul braccio. L’arrestata era in possesso di un green pass falso e aveva continuato a lavorare, a chiamata, all’Hub della Fiera e nel reparto di infettivologia.



Si tratta del prosieguo dell’attività di indagine che ha portato all’arresto, il 21 dicembre scorso, di un’altra infermiera dello stesso hub vaccinale per corruzione, falso ideologico e peculato, per false vaccinazioni effettuate in favore di undici persone, tra cui il leader del locale movimento no-vax, che si trova in carcere, e di un commerciante.


Sono in corso ulteriori indagini per l’individuazione di altre analoghe false vaccinazioni.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su