Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Roma, Pd M5S e Lista Calenda condannano esequie con bandiera nazi

colonna Sinistra
Martedì 11 gennaio 2022 - 17:44

Roma, Pd M5S e Lista Calenda condannano esequie con bandiera nazi

Raggi: si applichi legge Scelba a Forza Nuova

Roma, 11 gen. (askanews) – Condanna della ex sindaca M5S Virginia Raggi e della maggioranza capitolina dell’esposizione della bandiera nazista su un feretro di una militante della destra romana, accolta da saluti romani e slogan. “Camerati schierati, braccia tese e una bandiera con la svastica posata sul feretro di una militante di Forza Nuova. Questa la fotografia di quello che è accaduto ieri nella chiesa di Santa Lucia a Roma. Per nessun motivo manifestazioni come questa possono essere tollerate nel nostro Paese”, è il richiamo di Raggi in un post su Fb. Soprattutto, secondo Raggi “alla luce dei fatti gravissimi che si sono svolti il 9 ottobre dello scorso anno con l’assalto e la devastazione della sede della Cgli guidata dai più alti esponenti forzanuovisti, in quella occasione mascherati da No Vax. Di fronte a quello scempio tutta la politica italiana si è indignata e ha chiesto lo scioglimento di Forza Nuova che, come sempre, approfitta del malcontento degli italiani per strumentalizzarlo. Eppure siamo ancora qui a dover sopportare scene del genere, macabre e anacronistiche”. Tra pochi giorni, continua Raggi “ricorrerà il giorno della memoria e non possiamo tollerare che simboli come la svastica vengano ancora esposti e che un partito come Forza Nuova, che ne fa il proprio vessillo, trovi ancora spazio nella nostra Italia. È arrivato il momento di applicare la Legge Scelba nei confronti di questa ‘forza politica”, tramite l’emanazione di un decreto che gli impedisca di muoversi legittimamente”. “Esprimiamo fortissimo sdegno per quanto accaduto, all’insaputa del parroco, subito dopo un funerale svoltosi a Roma, presso la chiesa di Santa Lucia. Non è ammissibile l’esposizione di simboli che inneggiano al fascismo e al nazismo ancora oggi”, denunciano in una nota le consigliere e i consiglieri del Partito democratico in Campidoglio. “Tra pochi giorni si celebrerà la Giornata della memoria, che può essere tale soltanto attraverso una riflessione collettiva in grado di responsabilizzare ogni cittadino affinché episodi come questo non si ripetano più – aggiungono dal Pd -. Non possiamo restare indifferenti come rappresentanti delle Istituzioni e lavoreremo per educare alla conoscenza e al rispetto dei principi costituzionali a partire dalle giovani e giovanissime generazioni, promuovendo uno studio consapevole della storia recente e la ‘memoria attiva’ e vigilando costantemente su atti vandalici e offensivi della memoria. Dobbiamo sempre tenere alta l’attenzione su questi fenomeni e su qualsiasi atto che ricordi il nazismo. L’esercizio della libertà della nostra società parte dal contrasto a questi fenomeni”. “Troviamo davvero sconcertante e indecente che la nostra città debba essere ancora una volta teatro di fatti gravissimi che richiamano pagine buie della storia, a uso e consumo di movimenti di estrema destra – è la posizione della Lista Calenda -. Evidentemente non siamo stati abbastanza chiari nel condannare a dovere episodi simili come l’assalto alla Cgil avvenuto nell’ottobre scorso. Non basta dissociarsi, a posteriori, da manifestazioni come quelle che Forza Nuova ha fatto ieri, esponendo una bandiera con la svastica posata sul feretro di una militante. La Capitale non può permettere un simile oltraggio e deve far applicare la legge affinché qualsiasi forma di estremismo venga condannata senza appello. Bene ha fatto la Procura di Roma ad avviare un’indagine”, concludono.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su