Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sardegna, censimento operatori privati al Parco di Tepilora

colonna Sinistra
Giovedì 16 dicembre 2021 - 10:34

Sardegna, censimento operatori privati al Parco di Tepilora

Il presidente Ciccolini: "Per una carta dei servizi turistici"

Cagliari, 16 dic. (askanews) – In Sardegna il Parco naturale regionale di Tepilora lancia, con un avviso pubblico, il censimento di tutti gli operatori economici e professionisti del settore turistico operanti nel territorio regionale, così da inserirli in apposito elenco che possa consentire l’individuazione e la collocazione su una Banca Dati dedicata.


Obiettivo è quello di favorire l’incontro della domanda e dell’offerta dei servizi turistici e delle produzioni all’interno dell’area Parco. L’avviso pubblico si rivolge nello specifico a guide iscritte nei registri regionali, persone fisiche, aziende delle produzioni tipiche, artigiani, agricoltori, sia costituiti che in fase di costituzione.



Il censimento è rivolto inoltre ad associazioni di categoria, associazioni culturali, sportive e ambientali, Agenzie di sviluppo locale e Distretti che manifestano l’interesse a mettere a disposizione i propri servizi, prodotti ed eventi all’interno dell’area di Tepilora e a far parte quindi di elenchi specifici.


Tali soggetti dovranno svolgere la propria attività in forma professionale e continuativa così che possano garantire con costanza un vero supporto per i visitatori.



Le informazioni che scaturiranno dal censimento saranno utilizzate per dare ai visitatori la possibilità di ricercare e scegliere in modo imparziale tutti i servizi turistici e i prodotti di cui si può fruire nei territori del Parco, con l’obiettivo primario di differenziare e raggiungere diversi gruppi “target”.


“Tale censimento – ha spiegato il presidente del Parco, Giuseppe Ciccolini – sarà il punto di partenza per la costruzione di una carta dei servizi turistici della zona protetta, in un’ottica di soddisfazione e tutela del consumatore, che dobbiamo accogliere e accompagnare in tutte le fasi della scoperta dei nostri territori: tra ricchezze ambientali, culturali e agroalimentari”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su