Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sardegna, sei “Oscar green” per le innovazioni in agricoltura

colonna Sinistra
Lunedì 25 ottobre 2021 - 16:39

Sardegna, sei “Oscar green” per le innovazioni in agricoltura

Coldiretti, premiati a Sennariolo i giovani imprenditori isolani

Cagliari, 25 ott. (askanews) – Sono sei i giovani agricoltori da oscar in Sardegna. Ancora una volta le finali regionali del premio di Coldiretti Giovani ha scovato idee innovative che stanno arricchendo e rivoluzionando l’agricoltura.


Quest’anno dal cilindro degli Oscar green sono venuti fuori il sarto del vino, oggetti d’arredo nati dai gusci delle mandorle, il pecorino al carciofo Dop, packaging che evidenziano eventuali difetti dei prodotti anziché nasconderli, e modi e metodi innovativi di produzione sostenibili e di agricoltura sociale.



Sono stati premiati a Sennariolo, il più piccolo dei Comuni colpiti dal terribile incendio del 24 – 25 luglio scorso, che ha bruciato migliaia di ettari di boschi millenari e danneggiato centinaia di aziende agricole nel Marghine e nella Planargia.


Il premio riservato alle aziende agricole under 40, giunto alla sua quindicesima edizione, ha scelto Sennariolo per non dimenticare. Per non scordare le aziende agricole e il disastro ambientale quando ormai i fari si sono spenti ma i danni permangono e sono sempre più pesanti.



A contendersi le sei categorie sono arrivati in 12 dopo aver superato la selezione di una giuria nazionale e la concorrenza sempre più agguerrita dei colleghi. Difficile stabilire un vincitore a questi livelli, vista l’alta qualità dei progetti innovativi e sostenibili ormai affermati.


Nella categoria Campagna Amica l’Oscar è andato a Nicolò Pistis di Villasor che fa della trasparenza il suo punto di forza. Produce patate che arrivano al consumatore confezionate con una retina di colore nero che a differenza della classica che si mimetizza con il prodotto nascondendo eventuali imperfezioni, questa contrasta e le mette invece in evidenza.



Inoltre in etichetta è presente un Qr code che consente di tracciare il prodotto arrivando a conoscere e vedere il terreno in cui è stata prodotta. L’altro finalista era l’agri-panificio sa Moddixia di Genuri rappresentato da Mattia Piras che con la famiglia sta valorizzando le biodiversità della filiera del grano con una lavorazione artigianale slow.


Nella categoria Impresa digitale vince Samuele Dessì, di Assemini, esempio vivente di resilienza e di chi crede in ciò che fa. Partito da zero oggi ha la maggior aziende per estensione e capacità produttiva in Sardegna di prato verde, garantendo un servizio a 360 gradi unico, con un prato che ammette anche l’irrigazione con acqua salina.


Con lui in finale il primo pecorino al carciofo Dop ideato da Pierluigi Cugusi dell’azienda agricola Monte Istulargiu grazie al tecnico casaro Bastianino Piredda, unico nel suo genere. Un pecorino a caglio vegetale (cardo), aromatizzato con il cuore del carciofo spinoso che conferisce al prodotto aspetti organolettici e salutistici unici che valorizzano il latte di pecora e il carciofo Spinoso DOP.


Marco Canneddu di Mamoiada si è aggiudicato la categoria Sostenibilità e transizione ecologica, riuscendo ad abbinare nella lavorazione delle vigne con pendenze elevate i buoi, per arare rispettando la terra, ed il drone che dall’alto monitora e centellina l’utilizzo dei trattamenti.


Se l’è dovuta vedere con Maria Murgia di Ghilarza che ha trasformato in un giardino ecosostenibile della biodiversità terreni abbandonati per la forte pendenza e la struttura terrazzata.


Creatività ci ha regalato il sarto del vino, Paolo Pitzolu, dell’azienda agricola Arriali di Iglesias, dove mette in pratica le conoscenze acquisite in giro per il mondo dando vita ad un vino unico senza dogmi, combinando differenti vigneti e le migliori tecniche di vinificazione, ritagliate su misura per ogni varietà raccolta della Sardegna.


A sfiorare la vittoria di categoria l’azienda agricola A modo Nostro che coltiva a Laconi prodotti esotici e salutistici dai nomi impronunciabili ma apprezzatissimi nel mercato che si adattano al nuovo clima sardo.


La categoria Fare rete ha messo in evidenza due giovani Daniele Murgia e Sara Minnei di San Sperate che esaltano la loro competenza e creatività attraverso partnership variegate e reti sinergiche riuscendo a trasformare in valore anche gli scarti delle mandorle, come i gusci che diventano eleganti oggetti di arredo grazie ad un design campano.


In finale anche la nuova birra aromatizzata al miele a km0 ideata da Samuele Usala di Escalaplano e dal mastro birraio Bruno Ghiani di Isili.


Nella categoria Noi per il sociale invece ha primeggiato l’agricoltura inclusiva. La Diocesi di Sassari con un progetto di inclusione sociale con la collaborazione dei produttori di Campagna Amica ha dato vita al Giardino dell’accoglienza, spazio di dialogo dove i prodotti coltivati sono raccolti da chi ne ha bisogno.


“In agricoltura non c’è limite alla creatività e all’invettiva che la stanno trasformandola rendendola più sostenibile e inclusiva – afferma il delegato di Coldiretti Giovani Coldiretti Sardegna Frediano Mura -. Un contributo importante lo stanno dando proprio i giovani che scelgono di fare agricoltura sempre più spesso dopo essersi diplomati, laureati e seguito anche dei master.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su