Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Monte Bianco, un bivacco dedicato a 20enne ucciso da una valanga

colonna Sinistra
Lunedì 18 ottobre 2021 - 22:20

Monte Bianco, un bivacco dedicato a 20enne ucciso da una valanga

A La Thuile la struttura intitolata a Edoardo Camardella

Monte Bianco, un bivacco dedicato a 20enne ucciso da una valanga
Milano, 18 ott. (askanews) – Un bivacco per ricordare Edoardo Camardella, giovane alpinista e maestro di sci, travolto da una valanga sul Monte Bianco il 30 novembre del 2019. La struttura sarà realizzata sul ghiacciaio del Ruitor, a 3.360 metri.


Il Comune di La Thuile ha dato parere positivo alla realizzazione del nuovo bivacco disegnato da Progetto CMR. Racconta Massimo Roj, amministratore delegato della società di progettazione integrata: “Conoscevo bene Edoardo Camardella e condividevo la sua stessa passione per la montagna e lo sci. La sua scomparsa prematura è stata un grande dolore e poter donare questo progetto al Comune di La Thuile, che sarà realizzato grazie all’impegno dei genitori di Edoardo, è per me un atto dovuto alla memoria di un ragazzo speciale”.



Il ghiacciaio del Ruitor, ricorda Luciano Camardella, padre di Edoardo, “era un posto molto amato da mio figlio. Le guide hanno indicato questo luogo come un punto strategico per gli alpinisti; proprio in quella zona passa ogni due anni il Tour du Rutor, una importante gara di sci d’alpinismo, che coinvolge sia atleti nazionali che internazionali”.


Nell’attesa che il bivacco – già ingegnerizzato e in fase di costruzione – venga montato in quota, si pensa alla possibilità di posarlo nel centro di La Thuile, i primi giorni di dicembre, in modo da poter essere visitato in attesa dell’installazione definitiva.



Quando saranno ultimati tutti i componenti della nuova costruzione, la fase di montaggio potrà essere realizzata nel giro di pochi giorni; la struttura è infatti stata ideata per essere trasportata agevolmente con l’elicottero e assemblata. Il nuovo bivacco sul ghiacciaio del Ruitor avrà un’ampia parete vetrata che guarderà in direzione del Monte Bianco e lo si potrà ammirare anche mediante una webcam a 360 gradi montata sulla stazione meteo realizzata anch’essa ex novo; la più alta delle Alpi Graie e una delle più alte d’Europa. A favore di camera una parete della piccola costruzione racconterà del progetto e ricorderà tutti coloro, aziende e persone, che hanno supportato la sua realizzazione.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su