Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Long covid, l’esperto: disturbi neuropsicologici anche in asintomatici

colonna Sinistra
Venerdì 15 ottobre 2021 - 19:36

Long covid, l’esperto: disturbi neuropsicologici anche in asintomatici

Ne parla a Welfair il neurovirologo Ferrante

Long covid, l’esperto: disturbi neuropsicologici anche in asintomatici
Roma, 15 ott. (askanews) – Vertigini, temporanei deficit di memoria, stanchezza cronica, anosmia cronica: sono alcuni dei principali e più ricorrenti disturbi di natura neuropsicologica registrati nel cosiddetto long Covid, la sindrome post virale che colpisce, con le sintomatologie più diverse, la grande maggioranza dei malati di Covid terminata la fase acuta.


A parlare dell’impatto del virus SARS-CoV-2 su cervello e sistema nervoso umano a Welfair, – la manifestazione digitale di Fiera Roma dedicata a benessere, salute, nutrizione online oggi e domani su www.romawelfair.it – è Pasquale Ferrante, Professore Ordinario di Microbiologia e Microbiologia Clinica all’Università degli Studi di Milano e Adjunct Professor presso il Department of Microbiology, Immunology and Inflammation Center for Neurovirology and Gene Editing Lewis Katz School of Medicine della Temple University.



“Di particolare importanza – spiega il professore – sono i meccanismi patogenetici che portano il virus a provocare le malattie neurologiche che possono essere acute, subacute e croniche, e che possono essere la conseguenza dell’attacco diretto del virus ai danni delle cellule nervose (soprattutto nelle patologie acute), oppure la conseguenza dell’innesco di meccanismi su base immunitaria, come la cosiddetta tempesta citochinica (Citokyne Storm) o meccanismi autoimmunitari (soprattutto nelle malattie post-acute o di lunga durata)”.


I disturbi neurologici fini di solito vengono registrati al termine della fase acuta e possono protrarsi anche per mesi. Colpiscono anche asintomatici e sintomatici leggeri. “È complesso raccogliere dati certi in questo senso – osserva Ferrante – specialmente se si parla di asintomatici che spesso non sanno di aver contratto il Covid, ma evidenze cliniche ci portano a dire che, seppure con minore frequenza, anche chi non ha sviluppato i sintomi della malattia può soffrire dei disturbi del long Covid”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su