Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Covid: da Fvg ristori a imprese e consorzi turistici

colonna Sinistra
Venerdì 17 settembre 2021 - 15:42

Covid: da Fvg ristori a imprese e consorzi turistici

Per perdite fatturato

Trieste, 17 set. (askanews) – La Regione Friuli Venezia Giulia riconoscerà contributi da mille a 20mila euro alle reti d’impresa turistiche e tra i 5mila e 50mila euro a favore dei consorzi turistici del Friuli Venezia Giulia che hanno subito perdite a seguito dell’emergenza da Covid-19. Lo ha stabilito la Giunta regionale approvando nel corso della seduta dell’Esecutivo di oggi, una apposita delibera su proposta dell’assessore alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini.


Il provvedimento va a definire i criteri e le modalità di concessione dei contributi previsti dalla legge approvata lo scorso mese di agosto, norma con la quale è stata allargata la platea dei beneficiari che inizialmente la legge regionale dell’8 febbraio scorso aveva delimitato solo ai consorzi e alle reti di impresa turistiche della montagna friulana. Ora invece il ristoro è stato esteso a tutti i consorzi e le reti di impresa turistici aventi sede legale o operativa in Friuli Venezia Giulia. La delibera approvata prevede che possano presentare domanda i Consorzi turistici e le Reti di impresa risultanti attivi al 23 febbraio 2020 e ancora operanti alla data di presentazione della domanda stessa, che abbiano avuto una contrazione dell’attività economica. Quest’ultima deve aver generato una perdita raffrontando l’importo medio mensile del fatturato prodotto tra il primo febbraio 2019 e il 31 gennaio 2020 oppure tra il primo febbraio 2020 e il 31 gennaio 2021. Per poter ottenere l’agevolazione, i beneficiari devono essere iscritti al Registro imprese e, alla data di presentazione della domanda, non devono essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria, non essere destinatari di sanzioni interdittive, devono rispettare la normativa vigente in tema di sicurezza sul lavoro e risultare attivi alla data del 23 febbraio 2020 e ancora attivi alla data di presentazione della richiesta. Il contributo massimo concedibile a ogni soggetto è pari a 50mila euro per i Consorzi turistici e 20mila euro per le Reti d’impresa turistiche, cifre che spettano ai soggetti che hanno avuto una riduzione di fatturato tra febbraio 2020 e gennaio 2021 rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. L’intensità del contributo è modulata in base alla percentuale di perdita del fatturato subita.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su