Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Droga, in Puglia una piantagione di cannabis tra i fichi d’India

colonna Sinistra
Giovedì 16 settembre 2021 - 11:03

Droga, in Puglia una piantagione di cannabis tra i fichi d’India

Terreno scoperto dai militari della Guardia di finanza

Roma, 16 set. (askanews) – Una piccola piantagione di cannabis tra i fichi d’India è stata scoperta dagli investigatori della Guardia di finanza nella località “Scalzi”, agro del comune di San Nicandro Garganico, in Puglia. In particolare i militari hanno trovato 60 piante alte mediamente 3 metri, con infiorescenze in avanzato stato di maturazione, pronte per essere tagliate ed essiccate per la preparazione di dosi di marijuana.


La piantagione – si spiega in una nota – posta ai margini di un uliveto, era nascosta e accuratamente protetta su tutti i lati da alte piante di fico d’India il che ha reso più difficile entrare nel fondo ma non ne ha impedito la scoperta e il conseguente sequestro. Il campo coltivato a piante da stupefacente è stato trovato dai finanzieri perfettamente irrigato grazie alla installazione di un sofisticato impianto a goccia ed organizzato in modo da massimizzare lo sfruttamento del terreno.



Nel fondo agricolo i militari della Tenenza hanno individuato e arrestato, in flagranza di reato, C.P. classe 1961, incensurato di San Nicandro Garganico (FG), mentre era intento ad innaffiare e curare le piante di marijuana. L’uomo, che ha tentato di sottrarsi all’intervento dei finanzieri, è stato prontamente fermato. Le 60 piante sono state estirpate per la loro successiva distruzione. Da queste sarebbe stato possibile ricavare circa 2.000 dosi di marijuana da piazzare nelle città del Gargano. Su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia che coordina le indagini, il soggetto arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari.


Le Fiamme gialle, nel periodo estivo, nel solo territorio del Gargano, ha scoperto altre 6 piantagioni di cannabis per circa 3 tonnellate di piante. Per questo c’è stato l’arresto in flagranza di reato di altri tre soggetti e la denuncia in stato di libertà di un quarto.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su