Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • A Padiglione Italia Expo 2020 arredi Kartell di materiali riciclati

colonna Sinistra
Giovedì 9 settembre 2021 - 17:47

A Padiglione Italia Expo 2020 arredi Kartell di materiali riciclati

Oltre a una selezione di bestseller dell'azienda milanese

A Padiglione Italia Expo 2020 arredi Kartell di materiali riciclati
Milano, 9 set. (askanews) – Il Padiglione Italia a Expo 2020 di Dubai, al via il primo ottobre, sarà arricchito da una selezioni di arredi di design di Kartell, scelti tra una selezione tra bestseller e recenti novità dell’azienda milanese. Lo prevede un accordo per allestire degli spazi espositivi di rappresentanza e di incontro della casa italiana all’esposizione universale emiratina.


La trasparenza, uno degli elementi caratterizzanti dell’azienda italiana, che la lanciò oltre venti anni fa, oggi diventa simbolo della sostenibilità attraverso il nuovo policarbonato 2.0. Louis Ghost, pezzo simbolo dell’azienda che arrederà l’Anfiteatro è realizzata in questo nuovo materiale sostenibile prodotto attraverso un processo di sintesi derivato in gran parte da scarti industriali della cellulosa e della carta certificato Iscc, un materiale che testimonia la passione per l’innovazione di Kartell.



In linea con i valori dell’economia circolare che animano la partecipazione italiana a Expo Dubai, Kartell utilizzerà anche nuovi prodotti realizzati in materiale riciclato, derivato da materiali di accantonamento puri e non contaminati provenienti da altri settori. Per lo “Spazio Bar e Cucina” di Niko Romito, Kartell ha poi studiato uno speciale allestimento su misura.


“Per essere forti nel mondo – ha commentato il presidente di Kartell, Claudio Luti – dobbiamo fare sistema, viaggiare compatti, imprese e istituzioni e questo è un esempio. Inoltre, il tema del Padiglione parla di bellezza e per noi la bellezza è una missione. Creiamo oggetti che devono essere prima di tutto belli e funzionali e che durino nel tempo per essere destinati a fine vita ai musei e ai collezionisti, perché siano un modello di storia del design”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su