Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Roma, M5S boccia mozione Verdi per impedire uccisione cinghiali

colonna Sinistra
Martedì 10 agosto 2021 - 15:34

Roma, M5S boccia mozione Verdi per impedire uccisione cinghiali

Ex M5S: astensione non è modo per dichiararsi innocenti

Roma, 10 ago. (askanews) – L’uccisione di una cucciolata di cinghiali con la mamma in un parco giochi in pieno centro urbano, che destò sgomento e indignazione tra animalisti e ambientalisti in tutta Italia. Una mozione per chiedere alla sindaca di Roma Virginia Raggi di cambiare il protocollo sottoscritto con Regione Lazio e Città Metropolitana, che permette l’uccisione della fauna selvatica ritenuta pericolosa per telenarcosi. L’aveva presentata nel 2020, a ridosso delclamoroso evento la allora consigliera M5S Simona Ficcardi, oggi del gruppo dei Verdi, con la sottoscrizione di colleghi di Fdi e Pd. Nella seduta odierna dell’Assemblea capitolina, però, la maggioranza M5S ha bocciato l’impegno per astensione, agli sgoccioli della consiliatura. “Ero ancora in maggioranza quando decidemmo di agire in difesa del benessere degli animali – ha ricordato Ficcardi – ma fino a oggi non è stato fatto nulla. Voglio provare a rimediare”. Il consigliere di Fdi Francesco Figliomeni, tra i sottoscrittori della mozione, ha constatato che “l’abbattimento davanti alla comunità e ai bambini di questa famigliola di cinghiali aveva destato sgomento, ma in questi anni non c’è stata azione incisiva ne’ da parte dell’amministrazione Raggi ne’ della regione Lazio per far sì che nella città sporca non dovessimo convivere anche con i cinghiali”. La ex M5S Agnese Catini ha ricordato che “abbiamo scritto questa mozione quando eravamo ancora in maggioranza, perché non ci si voleva rassegnare a queste soluzioni da far west. In questa consiliatura il continuo rimpallo tra responsabilità non ha permesso di affrontare il problema, chi non ha cuore forse non comprende, ma quello che è avvenuto resta devastante”. Lapidaria la considerazione di un’altra ex M5S rivolta ai suoi ex colleghi di maggioranza: “invito quella che era la maggioranza a riflettere che l’astensione non è il modo per dichiararsi innocenti rispetto a responsabilità precise. Si fa più bella figura assumendosele”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su