Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Raggi: G20 cultura a Roma, moltiplicati fondi per eventi

colonna Sinistra
Giovedì 29 luglio 2021 - 15:13

Raggi: G20 cultura a Roma, moltiplicati fondi per eventi

"Roma riparte della cultura"

Roma, 29 lug. (askanews) – “Roma riparte della cultura. In occasione del G20 Cultura, che si svolge oggi per la prima volta nella nostra città, voglio parlarvi degli investimenti, delle nuove opportunità di lavoro e dei progetti che in questi anni abbiamo portato avanti in questo importante settore”. Lo racconta sulla sua pagina Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi. Dal 2016 al 2020, ricorda la sindaca “le erogazioni di bandi per la cultura indipendente sono passati da 1,5 a 5 milioni di euro: un risultato tangibile e importante per la nostra Capitale. Finalmente dopo tanti anni di chiusura abbiamo riaperto il Mausoleo di Augusto, per restituirlo al mondo intero. Un gioiello del patrimonio storico dell’umanità, simbolo importante di ripartenza per la città”. Anche durante il periodo più difficile dell’emergenza sanitaria, “a marzo 2020 – continua Raggi – le istituzioni culturali di Roma Capitale non si sono mai fermate, offrendo al grande pubblico oltre 122.000 contenuti gratuiti in streaming, che solo nei primi 4 mesi hanno avuto oltre 56 milioni di visualizzazioni con #laculturaincasa. Abbiamo, inoltre, dato vita al Polo del Contemporaneo: la più estesa rete dedicata alle culture del presente e del futuro con il Mattatoio, il Palazzo delle Esposizioni, il Macro, l’RIFMuseo delle Periferie. In questi anni, grazie a un bando triennale e a nuovi finanziamenti, abbiamo recuperato e fatto tornare a nuove vita i Teatri di cintura (Quarticciolo, Tor Bella Monaca, Villa Pamphilj, Ostia), un segnale di ripresa e rinascita anche per le nostre periferie. Così come abbiamo riaperto il Nuovo Cinema Aquila e l’Arena del Teatro di Tor Bella Monaca”. Dopo oltre 50 anni, aggiunge la sindaca di Roma “abbiamo restituito ai cittadini il nuovo spazio espositivo di Villa Caffarelli ai Musei Capitolini, le biblioteche Giovenale, Raffaello, Laurentina e il centro culturale Elsa Morante. Continuiamo nel percorso tracciato: rilanciamo il settore, aumentiamo gli investimenti sul territorio e puntiamo sul lavoro. Roma vuole essere protagonista”, conclude.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su