Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Boom di nuovi positivi al coronavirus a Roma, effetto Europei

colonna Sinistra
Martedì 20 luglio 2021 - 21:02

Boom di nuovi positivi al coronavirus a Roma, effetto Europei

Oggi 557 nuovi casi nella capitale

Boom di nuovi positivi al coronavirus a Roma, effetto Europei
Roma, 20 lug. (askanews) – “Oggi su oltre 11mila tamponi nel Lazio (+55118) e oltre 21mila antigenici per un totale di quasi 33mila test, si registrano 681 nuovi casi positivi (+247), 1 decesso (=), i ricoverati sono 133 (+3), le terapie intensive sono 28 (-1), i guariti sono 212. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 5,9%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende allo 2%. I casi a Roma città sono a quota 557”. L’assessore regionale alla sanità del Lazio, Alessio D’Amato, anche oggi attraverso i dati traccia la situazione del coronavirus nel territorio. “Superate 6,3 milioni di dosi somministrate da inizio campagna vaccinale, nel Lazio il 60% della popolazione adulta ha concluso il percorso vaccinale” ricorda, non stancandosi di ribadire che “per l’obiettivo dell’immunità di gregge è indispensabile vaccinare le fasce di popolazione più giovani” confermando che la “prima settimana di agosto il 70% popolazione adulta sarà vaccinata con doppia dose”.


“Stiamo pagando il cosiddetto “effetto Gravina” ma senza complicazioni negli ospedali. I casi sono ancora destinati ad aumentare per l’effetto del calo di tensione in occasione dei festeggiamenti per gli Europei, che durerà ancora alcuni giorni”. Così l’assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria, Alessio D’Amato, a margine della consegna degli attestati di benemerenza per l’impegno profuso durante la pandemia agli operatori informatici di Laziocrea, a Roma. “I positivi sono per lo più giovani ancora non vaccinati e questo significa, ancora una volta, quanto sia importante vaccinarsi e raggiungere l’immunità di gregge. La situazione è sotto controllo e nel Lazio i casi attualmente positivi complessivi sono la metà di altre grandi regioni, quindi nessun allarme e vaccinarsi. Ancora una volta – conclude – ricadono sulle spalle del Servizio Sanitario Regionale e dei suoi operatori, l’onere e gli effetti del calo di tensione”.



Red/San




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su