Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Cittadini per l’aria: a Milano 1.500 morti anno per biossido azoto

colonna Sinistra
Mercoledì 19 maggio 2021 - 16:23

Cittadini per l’aria: a Milano 1.500 morti anno per biossido azoto

"Il traffico, in particolare dei diesel, è il maggior responsabile"
Cittadini per l’aria: a Milano 1.500 morti anno per biossido azoto

Milano, 19 mag. (askanews) – “Ogni anno a Milano circa 1.500 persone perdono la vita per l’esposizione a concentrazioni di biossido di azoto (NO2) oltre la soglia di 20 µg/m3 indicata dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a tutela della salute umana”. E’ quanto denuncia la onlus “Cittadini per l’aria”, spiegando che “è quanto emerge dai dati raccolti grazie all’impegno di centinaia di cittadini lombardi nel corso della campagna di scienza partecipata ‘NO2 No Grazie’ ed elaborati dai ricercatori dell’Università degli Studi di Milano e del Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario della Regione Lazio”.

“L’impatto terribile dell’inquinante sulla popolazione di Milano risulta dall’incrocio della mappa ad alta risoluzione spaziale (50×50 metri) della diffusione dell’NO2, elaborata grazie ad un modello di ‘machine learning’ (Land use random forest – Lurf) e sviluppata grazie alle centinaia di campionatori posizionati dai cittadini, con gli opendata di popolazione e decesso del Comune di Milano. Il risultato finale è una mappa che rappresenta l’impatto sanitario delle concentrazioni di NO2, zona per zona, rappresentativa di un anno-tipo per la nostra città” prosegue il comunicato, aggiungendo che “la rappresentazione grafica della diffusione dell’NO2 evidenzia chiaramente che il traffico, e in particolare quello dei veicoli diesel, è la maggior causa delle concentrazioni di NO2 a Milano”.

“I ricercatori hanno anche elaborato la cosiddetta esposizione media della popolazione che indica che essa è (mediamente) esposta a concentrazioni pari a 41,6 µg/m3, dunque più elevata del limite di legge (fissato a 40 µg/m3)” prosegue la onlus, sottolineando che “i dati raccolti dai cittadini sono stati rielaborati dal Comitato scientifico che ha creato le mappe per comprendere come il biossido di azoto colpisce la città e i suoi cittadini”. “Il progetto di scienza partecipata ‘NO2 No Grazie’ – ha concluso Cittadini per l’aria – è stato inserito nel nuovo rapporto ‘Public awareness and efforts to improve air quality in Europe’ dall’Agenzia europea per l’ambiente quale esempio virtuoso di azione della società civile per migliorare la qualità dell’aria”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su