Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Vaccini, Fedriga: portiamo teatro in hub vaccinali

colonna Sinistra
Sabato 15 maggio 2021 - 17:08

Vaccini, Fedriga: portiamo teatro in hub vaccinali

Presentata iniziativa 'Va in scena il vaccino'
Vaccini, Fedriga: portiamo teatro in hub vaccinali

Trieste, 15 mag. (askanews) – “L’abbinamento tra cultura e vaccino non si ferma all’organizzazione dell’hub di Villa Manin e con ‘Va in scena il vaccino’ raggiungerà anche la sala d’attesa post somministrazione del centro vaccinale alla Fiera di Udine, nella quale verranno allestiti mini-recital per le persone che hanno effettuato la vaccinazione. Ringrazio gli assessori Gibelli e Riccardi per questa iniziativa che consente di avvicinare il più possibile i cittadini all’adesione alla campagna vaccinale”. Lo ha annunciato oggi a Villa Manin di Passariano il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, assieme al vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, e all’assessore alla Cultura, Tiziana Gibelli, durante la presentazione di ‘Va in scena il vaccino’, l’iniziativa che, grazie alla collaborazione tra la compagnia Anà-Thema Teatro, l’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale e la Regione, permetterà la messa in scena di mini-recital della durata di 15 minuti ciascuno, lo stesso tempo che le persone devono attendere dopo aver ricevuto il vaccino.

A partire dal 3 giugno e per otto giornate (3, 8, 10, 15, 16, 22, 24 e 30 giugno), dalle 14 alle 16, verranno messe in scena quattro repliche, intervallate ciascuna da 15 minuti di pausa, ognuna delle quali sarà suddivisa in tre momenti da 5 minuti, così da dare la possibilità a chi ascolta di poter seguire tutte e tre le proposte in base al momento di arrivo nella sala post-vaccinale. Gibelli ha spiegato che “in molti casi i teatri sono stati usati come luoghi di vaccinazione, ma questa è la prima volta che si fa il contrario: ovvero portare il teatro nei centri vaccinali. Il mio auspicio è che questa sia solo la prima sperimentazione di questo tipo e che molte altre compagnie teatrali vogliano replicare l’iniziativa nei numerosi punti vaccinali sparsi sul territorio regionale. Il tema dei monologhi è particolarmente attuale perché tra di loro ce n’è uno dedicato al Decameron di Boccaccio e uno a Dante, dato che siamo nell’anno dantesco. La nostra è una regione che ha una grande produzione culturale anche perché c’è una forte richiesta in tal senso e in questo caso sfruttiamo la cultura per avvicinare le persone al vaccino”.

L’assessore alla Cultura ha spiegato che “gli attori di Anà-Thema si sono organizzati creando una sorta di kit teatrale che consente di montare e smontare rapidamente le scenografie e il risultato sarà certamente coinvolgente. Un doveroso ringraziamento va, oltre che a loro, al servizio sanitario regionale che ha compreso l’utilità dell’iniziativa e ha permesso di trovare soluzioni che coniugassero l’allestimento della scenografia con il distanziamento e la logistica del centro vaccinale”. Intervenendo sul tema delle vaccinazioni Riccardi ha spiegato che “in Friuli Venezia Giulia l’adesione alla campagna vaccinale è risultata inferiore ad altre regioni, in particolare per alcune fasce d’età come quelle tra 60 e 69 anni e 50 e 59 anni, quindi dobbiamo fare tutto il possibile per avvicinare le persone alla vaccinazione ed in questa partita giocano un ruolo fondamentale i medici di medicina generale. L’auspicio è che da lunedì, con l’estensione della campagna ai soggetti tra 40 e 49 anni, arrivino decine di migliaia di prenotazioni. Oggi abbiamo disponibilità di dosi e stiamo superando tutti i target indicati dal generale Figliuolo, ma non possiamo infatti permetterci il lusso di avere una capacità vaccinale superiore alla dotazione delle agende”.

Il direttore artistico di Anà-Thema, Luca Ferri, ha spiegato che “così come il vaccino è il simbolo della ripartenza altrettanto questa iniziativa vuole segnale la ripartenza della cultura, la riapertura dei teatri dopo mesi di chiusura in cui il sipario è stato per troppo tempo abbassato. Portare il teatro nei centri vaccinali significa riportare il vaccino della cultura tra la gente. Ringrazio la Regione, per aver creduto nella nostra proposta”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su