Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Covid, Confesercenti Campania: non possiamo mandar via i clienti

colonna Sinistra
Giovedì 13 maggio 2021 - 15:34

Covid, Confesercenti Campania: non possiamo mandar via i clienti

Schiavo incontra prefetto di Napoli e chiede maggiore tolleranza

Napoli, 13 mag. (askanews) – “Buonsenso e collaborazione sono indispensabili per rispettare il coprifuoco, la clientela e i sacrifici dei ristoratori. Comprendiamo che per le forze dell’ordine l’attenzione sia massima, essendoci in gioco la salute pubblica, ma vorremmo che non si ecceda esercitando troppa pressione sui ristoratori”. Così il presidente dei Confesercenti Campania, Vincenzo Schiavo, che ha incontrato il prefetto di Napoli, Marco Valentini, insieme al presidente Fiepet/Confesercenti Napoli, Antonio Viola per discutere delle difficoltà nella gestione del coprifuoco alle 22 da parte delle imprese della ristorazione. “Abbiamo chiesto al prefetto maggiore tolleranza – ha spiegato Schiavo – vorremmo fosse chiaro a tutti che diventa difficilissimo pressare oltremodo un cliente che sta finendo di cenare, mentre sta consumando un dolce o un caffè, dicendogli ‘devi andare via’. Non si può pretendere che i ristoratori alle 22 in punto buttino i clienti fuori dai locali. E’ una situazione impossibile da gestire perché il ristoratore non può inimicarsi il cliente, sua unica fonte di sostegno, specialmente in un momento di crisi profondissima come questo, ma al tempo stesso non può permettersi di pagare 400 euro di multa perché arriva il vigile zelante un minuto dopo le 22 e ti ricorda che c’è il coprifuoco”. “Il prefetto Valentini – ha concluso Schiavo – non ha fatto mancare la sua attenzione alle problematiche delle imprese di Confesercenti. Ci ha garantito, infatti, che ne parlerà con i vertici delle forze dell’ordine del territorio che lui coordina. A nome di tutte le imprese legate a Confesercenti, ringrazio per lo sforzo e la collaborazione carabinieri, vigili urbani, polizia e Guardia di finanza della città di Napoli”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su