Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • A Milano prove su strada per primo filobus a guida assistita

colonna Sinistra
Giovedì 6 maggio 2021 - 15:32

A Milano prove su strada per primo filobus a guida assistita

Test per due anni su linea 90/91, primo passo verso guida autonoma
A Milano prove su strada per primo filobus a guida assistita

Milano, 6 mag. (askanews) – Sulla linea 90/91 è già in circolazione il primo filobus che implementa tecnologie cloud ibride connesse alla rete 5G per la guida assistita, primo passo del percorso verso la guida autonoma. Si tratta di “Tech Bus”, primo esemplare di un progetto di ricerca sulla mobilità che ha come protagonisti il Politecnico di Milano, Atm e il Comune di Milano che per migliorare la regolarità e la sicurezza dei mezzi puntano sulla tecnologia di Ibm e Vodafone Italia.

Il filobus è dotato di sensori intelligenti che utilizzano la comunicazione V2I (Vehicle to Infrastructure) per consentire al mezzo di dialogare costantemente lungo il percorso con i semafori e l’infrastruttura stradale, contribuendo a creare un ecosistema di mobilità cooperativa in cui le tecnologie permettono di migliorare la sicurezza stradale e pone le basi per la nuova frontiera della guida autonoma. Ha una livrea riconoscibile realizzata ad hoc. Il mezzo è uno dei primi risultati del progetto sviluppato nell’ambito del Jrl, Joint Research Lab, che sperimenta una mobilità connessa, elettrica e semi-autonoma.

Del Jrl fanno parte anche la Fondazione Politecnico di Milano, la CCIAA di Milano, Brembo, Enel X, Pirelli, Solaris Bus & Coach, STMicroelectronics. In questa prima fase del progetto, l’obiettivo è ottimizzare i processi della mobilità verso una guida assistita nella gestione dei semafori e degli incroci, per migliorare la regolarità e la frequenza della circolazione dei mezzi. Nell’evoluzione futura del progetto, la bassissima latenza e l’elevata affidabilità del 5G Vodafone garantiranno la continua disponibilità di informazioni aggiuntive ai sistemi di bordo e al conducente.

Dispositivi per lo storage dei dati e la connessione con il filobus saranno installati anche su lampioni, semafori e pensiline. La tabella di marcia attualmente prevede che fra due anni il progetto si possa estendere agli altri filobus della flotta Atm in servizio sulla linea 90/91, che entraranno progressivamente nella sperimentazione.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su