Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Fontana scrive al ministro Bianchi: estendere garanzia giovani

colonna Sinistra
Mercoledì 5 maggio 2021 - 13:54

Fontana scrive al ministro Bianchi: estendere garanzia giovani

Obiettivo contrasto a dispersione scolastica aumentata con la Dad
Fontana scrive al ministro Bianchi: estendere garanzia giovani

Milano, 5 mag. (askanews) – Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana insieme agli assessori Fabrizio Sala e Melania Rizzoli ha inviato una lettera istituzionale al ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, e al ministro del Lavoro, Andrea Orlando, chiedendo la possibilità di estendere l’ambito di intervento del Programma europeo ‘Garanzia Giovani’. In particolare è stato proposto che la misura dedicata al recupero della dispersione all’interno del sistema di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) possa essere estesa anche al contrasto della dispersione scolastica in tutto il sistema pubblico di istruzione.

“Da sempre il nostro impegno – ha sottolineato il presidente – è quello di non lasciare indietro nessuno. Questo vale soprattutto per i nostri giovani rimasti fuori da percorsi di istruzione e dal mercato del lavoro. Nella definizione delle sue politiche Regione Lombardia ha sempre avuto come bussola la creazione di nuove occasioni di occupabilità attraverso percorsi di formazione specifici finalizzati a dare risposte puntuali alle professionalità richieste dalle imprese. A questo principio si richiama la nostra ‘Dote Unica Lavoro’, che a sua volta ha ispirato la misura nazionale di Garanzia Giovani”.

“Si stima che uno studente su quattro abbandonerà gli studi nei prossimi mesi” ha affermato l’assessore all’Istruzione Fabrizio Sala – La lotta all’abbandono degli studi è una nostra priorità. Questa richiesta punta infatti a coinvolgere tutte le istituzioni scolastiche statali e paritarie a livello nazionale, non solo nell’ambito della Formazione Professionale, al fine di moltiplicare la possibilità di reinserire i NEET, giovani che non studiano e non lavorano, nel mondo della scuola”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su