Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Umbria, a presidente Tesei la bandiera Comitato Regionale Croce Rossa

colonna Sinistra
Martedì 4 maggio 2021 - 15:02

Umbria, a presidente Tesei la bandiera Comitato Regionale Croce Rossa

L'8 maggio facciata del Palazzo Donini illuminata di rosso
Umbria, a presidente Tesei la bandiera Comitato Regionale Croce Rossa

Roma, 4 mag. (askanews) – La presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha ricevuto questa mattina dal presidente del Comitato Regionale della Croce Rossa Umbria, Paolo Scura, la bandiera che da oggi sino al 9 maggio sarà esposta all’esterno di Palazzo Donini a Perugia, sede della Regione. L’8 maggio, inoltre, in occasione della giornata Mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, la facciata del palazzo sarà illuminata di rosso.

“Un modo simbolico per ringraziare quanto la Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa, con le sue donne e i suoi uomini, sempre fanno a favore della società – ha affermato la Presidente Tesei – Ancor di più in questo periodo di emergenza il ruolo svolto e l’apporto dato è stato, e continuerà ad essere, fondamentale. Grazie da parte di tutti noi”.

Nel giorno della nascita di Henry Dunant, fondatore dell’Associazione, si celebra infatti la giornata dedicata ai 17 milioni di volontari in tutto il mondo, di cui 160 mila in Italia, che ogni giorno si adoperano a supporto delle popolazioni e delle loro vulnerabilità con impegno e dedizione. Anche quest’anno l’8 maggio sarà l’occasione per esprimere profonda gratitudine a tutti gli uomini e le donne della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa che continuano a garantire una presenza costante e significativa sul territorio quale punto di riferimento, soprattutto nei momenti più difficili.

“L’ultimo anno è stato un banco di prova difficilissimo e molto impegnativo per tutti i nostri Volontari – ha dichiarato il Presidente del Comitato Regionale della Croce Rossa Umbria Paolo Scura -, ma è altrettanto vero che gli enormi sforzi fatti hanno permesso di aiutare, supportare, soccorrere migliaia di persone sia attraverso servizi sanitari che attività legate alla sfera sociale, senza tralasciare le campagne di screening sierologico o quella a supporto del piano vaccinale. Questo mi rende, e rende tutti noi, orgogliosi di far parte dell’Associazione umanitaria più grande del mondo”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su