Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • In campo via Bonfadini a Milano traffico rifiuti da 1 mln euro anno

colonna Sinistra
Martedì 4 maggio 2021 - 14:04

In campo via Bonfadini a Milano traffico rifiuti da 1 mln euro anno

Ciacci: sequestrati 45 mezzi di una trentina di aziende coinvolte
In campo via Bonfadini a Milano traffico rifiuti da 1 mln euro anno

Milano, 4 mag. (askanews) – Sono 33 le ordinanze di misura cautelare in carcere eseguite questa mattina nell’ambito di un’inchiesta della Dda del capoluogo lombardo su un traffico illecito di rifiuti da circa un milione di euro l’anno che aveva il suo centro nel campo nomadi abusivo di via Bonfadini 38, all’angolo con via Zama a Milano, Lo ha precisato il comandante della polizia locale meneghina, Marco Ciacci, spiegando che al vertice della presunta organizzazione criminale, ci sarebbe stato il 56enne sinti di origine abruzzese, Umberto Cirelli. In pratica, secondo l’accusa, il campo era stato trasformato da anni in una sorta di “ricicleria”: tir, camion e furgoni di ditte edili e di arredi vi riversavano carichi di rifiuti (circa 200mila chili di scarti all’anno) che poi venivano selezionati da diversi “operai” romeni che abitavano nel campo. Erano loro ad occuparsi principalmente di recuperare rottami di ferro e batterie che poi venivano vendute (in contanti) ad altre ditte che passavano periodicamente a prenderli. Per dare un’idea delle dimensioni di questo traffico, Ciacci ha spiegato che “tra la fine di giugno e il dicembre 2020 sono stati documentati 7-8 carichi di materiale ferroso effettuati da camion da 12 tonnellate”, a cui si sarebbero aggiunti tutti gli altri sversamenti “minori”.

Il resto dei rifiuti, ingombranti (mobili, materassi, ecc..) e talvolta pericolosi (ad esempio lastre di amianto, oli esausti, prodotti RAEE), veniva scaricato in un’area davanti al campo, dove l’Amsa era costretta a passare due-tre volte per ripulirla. I “ghisa” hanno accertato che nel triennio 2018-2020, l’Azienda milanese servizi ambientali ha portato via da lì circa 800 tonnellate di rifiuti, con un costo per la collettività di oltre 100mila euro all’anno. Nel corso dell’indagine, denominata “Rifiuti preziosi”, sono stati sequestati ben 45 tra bilici, autocarri, furgoni e mezzi cassonati utilizzati in per il trasporto dei rifiuti da parte di una trentina di aziende lombarde e piemontesi.

Durante l’attività di osservazione e pedinamento, i vigili hanno scoperto anche un’attività di spaccio di cocaina al dettaglio: i clienti, dopo aver preso accordi via whatsup, si recavano nel campo per acquistare le dosi. Viene infine contestata anche un’estorsione con metodo mafioso compiuta ai danni di un imprenditore che aveva un cantiere edile nei pressi del campo. Infatti, sempre secondo quanto riferito dagli investigatori della Municipale, la vittima sarebbe stata “intimidita” perché smaltisse il ferro attraverso il “loro” canale illegale, ottenendo in cambio che i suoi operai potessero continuare a lavorare nel cantiere “senza problemi”.

Precisando che oggi sono entrati in azione “80 ufficiali e 250 agenti della polizia locale”, il Comune ha spiegato che “considerata la gravità dei reati contestati”, il campo in questione è stato sequestrato “ed è stato disposto il contestuale abbattimento di tutti i manufatti presenti: otto fabbricati in muratura e una ventina di baracche in legno”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su