Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Innovazione e sostenibilità, a Merano il quartiere “Antonianum”

colonna Sinistra
Lunedì 3 maggio 2021 - 14:56

Innovazione e sostenibilità, a Merano il quartiere “Antonianum”

L'Oasi verde firmata dall'archistar Roman Delugan
Innovazione e sostenibilità, a Merano il quartiere “Antonianum”

Merano, 3 mag. (askanews) – Spazi esterni con panorami unici, appartamenti privi di barriere architettoniche e tanto verde a fare da cornice; sono le caratteristiche del complesso residenziale “Antonianum” di Merano (Bz), progettato dall’archistar Roman Delugan, originario proprio di Merano per conto del gruppo immobiliare Pohl Immobilien e in parte finanziato da una campagna di equity crowdfunding.

Un vero e proprio “ritorno alla natura”, realizzato secondo lo standard CasaClima A Nature e ponendo particolare attenzione anche agli interni degli appartamenti dotati di sistema di riscaldamento e raffreddamento integrato, illuminazione naturale, infissi ad angolo con vetri tripli, sistema di ventilazione meccanica controllata e una domotica moderna e intelligente. Gli allacciamenti dell’acqua sono protetti contro il gelo su tutte le terrazze e i balconi e i solai interpiano sono realizzati con struttura multistrato per un isolamento acustico ottimale anti-calpestio. Il quartiere residenziale, tranquillo e attraente, è ottimamente collegato con la rete dei trasporti pubblici, mentre il centro è comodamente raggiungibile a piedi.

Il progetto è innovativo anche dal punto di vista finanziario: è stato parzialmente finanziato, infatti, attraverso una campagna online di equity crowdfunding che si è chiusa il 15 marzo 2021, e ha raccolto il 105% del suo obbiettivo pari a 1.155.000 milioni di euro.

Il complesso abbraccia le nuove esigenze abitative anche dettate dalla pandemia di Covid-19, presentando spazi multifunzionali e flessibili che permettono di riconvertire gli ambienti ogni volta che ce ne sia necessità, sia per situazioni di svago sia per l’home office. Comprende tre edifici a tre piani in cui sono stati realizzati complessivamente 25 appartamenti, di cui dieci con giardino e altri dieci con terrazzo, e un attico. Tutti e tre gli edifici sono equilibrati da elementi di collegamento verticali e orizzontali a diversi livelli. Nell’architettura ideata e realizzata per il progetto, il legame con la natura svolge un ruolo essenziale. Gli edifici green sono infatti circondati da un verde intenso, che funge da delimitazione ma anche da unità tra di loro. Questo porta due tipi di benefici: l’abbattimento dell’aumento dei consumi e spese energetiche, e il poter vivere anche uno spazio all’esterno.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su