Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Startup, al via Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente 2021

colonna Sinistra
Venerdì 16 aprile 2021 - 13:20

Startup, al via Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente 2021

Promosso da Legambiente, aperto anche a spin off e Pmi
Startup, al via Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente 2021

Roma, 16 apr. (askanews) – Riconoscere il valore delle realtà aziendali e locali che in Italia traducono i principi della sostenibilità in azioni concrete è l’obiettivo dichiarato del Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente, giunto alla sua 17esima edizione. Il premio organizzato da Legambiente, in rete con altri enti, associazioni e istituzioni e realizzato quest’anno in partnership con Groupama Assicurazioni e con il contributo di UPS Foundation, e il patrocinio del MITE, punta a creare un contesto favorevole alla ricerca, contribuendo a diffondere buone pratiche e valorizzando i soggetti capaci di cogliere la sfida ecologica quale opportunità irrinunciabile di sviluppo economico e sociale.

Al centro dell’edizione 2021 le start up, gli spin off universitari e aziendali e, per il primo anno, anche le piccole e medie imprese innovative a vocazione ambientale e sociale che maggiormente faticano a inserirsi e affermarsi sul mercato. Il bando appena pubblicato mira a intercettare iniziative, interventi, piani e progetti che si muovono verso questo paradigma, con riferimento agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) dell’Agenda ONU 2030. Un premio destinato, dunque, a tutte quelle innovazioni di prodotto, processo o servizio, di tipo tecnologico, gestionale o sociale che contribuiscano a una significativa riduzione degli impatti ambientali, al rafforzamento della resilienza agli effetti del cambiamento climatico e che si segnalino, al contempo, per originalità, replicabilità e potenzialità di sviluppo.

“Siamo particolarmente orgogliosi, quest’anno, di confermare l’appuntamento con il Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente: un riconoscimento a tutte quelle realtà che non mancano di distinguersi in eccellenza e innovatività, pur tra le mille difficoltà legate ai differenti contesti socio-economici e territoriali in cui operano e al momento contingente – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – D’altro canto siamo convinti che, proprio nel pieno della crisi globale che stiamo attraversando, la sostenibilità possa essere la leva principale del cambiamento, per perseguire un futuro più efficiente, equo e sicuro nella gestione delle risorse. Pertanto, continuiamo a sostenere e a promuovere l’Italia capace di offrire un modello alternativo di sviluppo, moderno e rispettoso dell’ambiente, con particolare attenzione ai più giovani”.

Quest’anno, per la prima volta, il premio conta sull’importante partnership con Groupama Assicurazioni, con cui Legambiente è ben felice di raccontare come la tecnologia e l’innovazione possano contribuire in maniera importante nella lotta alla crisi climatica. “Abbiamo deciso di intraprendere questo percorso al fianco di Legambiente perché la nostra azienda non coltiva solo il business: l’attenzione all’ambiente e al sociale è una delle missioni portanti della Compagnia – dichiara Pierre Cordier, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Groupama Assicurazioni – Da sempre promuoviamo politiche aziendali finalizzate ad un modello di impresa sostenibile che tenga conto non solo della ricchezza, ma anche della coesione sociale e della tutela delle risorse e che si integri con la nostra missione di assicuratori grazie ad una profonda responsabilità ambientale e sociale”.

La partecipazione al premio è gratuita, riservata alle realtà che hanno per protagonisti i giovani e con sede legale in Italia. Costituisce titolo preferenziale la specifica anagrafica under 35. Queste le categorie per le quali è possibile concorrere: Agricoltura e Filiere Agro-alimentari; Mobilità Sostenibile; Digital green, comunità in rete, dai piccoli Comuni alle Smart Cities; Economia Circolare; Ecodesign; Transizione energetica. Nel bando, in corrispondenza di ciascuna categoria, sono indicati i riferimenti specifici ai rispettivi Sustainable Development Goals, in accordo con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, e sono contenute le indicazioni per presentare la domanda. C’è tempo fino al prossimo 30 luglio per partecipare, mentre la premiazione avverrà nel mese di dicembre a Milano. I primi classificati di ogni categoria potranno utilizzare il logo del Premio Innovazione 2021 e riceveranno un premio in denaro di 3 mila euro. Oltre al vincitore, potranno essere effettuate delle altre segnalazioni. Nell’edizione di quest’anno è previsto anche un “Premio speciale Groupama Assicurazioni”, costituito da una copertura assicurativa che verrà pensata “ad hoc” per il settore di appartenenza dell’azienda vincitrice.

Tra i criteri di valutazione che orienteranno le scelte del comitato scientifico, chiamato a decretare i vincitori, figurano la riduzione dei rifiuti prodotti lungo l’intero ciclo di vita; gli effetti positivi dell’innovazione su aria, acqua, suolo, territorio e biodiversità; la capacità dell’innovazione di modificare le modalità di acquisto o consumo; il potenziale impatto sul sistema produttivo o sui consumi in generale; la generazione di benefici misurabili per il miglioramento della qualità della vita delle comunità locali (recupero e riuso dei beni, welfare di comunità, ripristino di aree degradate); la capacità di comunicare in modo creativo ed efficace le informazioni sulle proprie prestazioni sociali e ambientali.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su