Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Patuanelli: priorità in Europa nuova Pac e battaglia Nutriscore

colonna Sinistra
Mercoledì 3 marzo 2021 - 12:37

Patuanelli: priorità in Europa nuova Pac e battaglia Nutriscore

Video messaggio alla direzione nazionale di Cia
Patuanelli: priorità in Europa nuova Pac e battaglia Nutriscore

Roma, 3 mar. (askanews) – In Europa le priorità sono “la grande sfida della nuova Pac, che impegnerà il ministero per tutto il 2021” e “la battaglia che dobbiamo fare sul Nutriscore. Non possiamo permettere che vengano paragonati cibi diversi e che alcuni abbiano il semaforo rosso ancorché molto sani e altri abbiano il semaforo verde e invece siamo tutti consapevoli che non andrebbero utilizzati con grande frequenza. Dobbiamo incoraggiare il sistema a batteria che, invece, dà informazioni nutrizionali reali dei cibi che vengono portati sulle tavole dei cittadini europei”. Lo ha detto il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, in un video messaggio inviato in apertura della direzione nazionale di Cia-Agricoltori Italiani. Per vincere le sfide che aspettano il mondo agricolo “l’unico modo che abbiamo è quello di stare assieme, di confrontarci quotidianamente, di ascoltare le esigenze. Questo per me sarà un vero mantra”, ha detto Patuanelli.

Sottolinando che “l’agroalimentare è un settore fondamentale per il nostro Paese” e che bisogna muoversi in fretta, perché “non abbiamo un arco temporale lungo, la legislatura ormai è oltre la metà della sua durata, quindi dobbiamo essere concreti”, Patuanelli ha sottolineato come, durante la pandemia, il comparto abbia comunque sofferto la crisi, sebbene “in modo non simmetrico. Ci sono settori che hanno lavorato di più magari guadagnando meno, dei settori che invece hanno avuto un fermo, penso a tutta la filiera legata all’Horeca. Oggi è il momento di fare i conti, di ristorare chi ha perso” e di “programmare il futuro”.

Tra le prossime sfide del comparto, oltre a nuova Pac e lotta al Nutriscore, anche il “mantenimento dell’alto valore delle nostre esportazioni” con “la protezione del Made in Italy”, una questione su cui il Mipaaf “insieme al ministro Di Maio e al ministero degli Affari esteri sarà sempre in prima linea, per combattere fenomeni distorsivi, frodi, italian sounding”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su