Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sardegna, Cia contesta blocco movimentazione bovina

colonna Sinistra
Lunedì 22 febbraio 2021 - 13:05

Sardegna, Cia contesta blocco movimentazione bovina

Gli allevatori contro lo stop imposto dall'assessorato

Cagliari, 22 feb. (askanews) – “Reputiamo improvvisa, assurda e inaccettabile la decisione dell’assessorato alla Sanità della Regione di bloccare la movimentazione dei bovini in Sardegna sottoponendo la Gallura e l’Ogliastra agli obblighi previsti per i territori riconosciuti non ufficialmente indenni da tubercolosi bovina e bufalina”. La Cia Agricoltori Italiani Sardegna prende posizione sul blocco della movimentazione dei capi bovini nell’isola disposta dalla Regione. “Questo provvedimento blocca improvvisamente le attività delle aziende agricole del territorio che da quattro anni sono considerate dalla Comunità europea ufficialmente indenni da tubercolosi, abbandonandole al loro destino, in barba a principi fondamentali quali la tenuta economica dei territori sardi, lo sviluppo e il sostegno delle aree interne, la lotta contro lo spopolamento della Sardegna – sostengono i rappresentanti regionali della Cia isolana – L’intero comparto rischia di scomparire, con le conseguenti ricadute di natura economica e sociale.

Alle pesanti conseguenze della pandemia da coronavirus, che sta schiacciando, in termini economici e organizzativi, le aziende zootecniche sarde, si aggiungono i danni causati dalla disposizione dell’Assessorato, che costringe le aziende a sospendere i contratti in essere e a bloccare la movimentazione dei bovini. La Sardegna movimenta ogni anno un numero considerevole di capi e i mancati guadagni ammonterebbero a centinaia di migliaia di euro, con aziende dislocate principalmente in Gallura: i comuni di Arzachena, Aggius, Tempio, Olbia, Luras e Sant’ Antonio di Gallura ne sono un esempio. Vista l’emergenza in corso è necessario e non rinviabile un ripensamento della decisione assunta dell’assessorato regionale alla Sanità, a cui si chiede di agire con consapevolezza e responsabilità, a tutela dell’economia e del tessuto sociale sardo”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su