Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Michael Kors lascia Palermo, incertezza per 7 lavoratori

colonna Sinistra
Venerdì 19 febbraio 2021 - 19:34

Michael Kors lascia Palermo, incertezza per 7 lavoratori

La boutique di lusso chiuderà i battenti il prossmo 31 marzo

Palermo, 19 feb. (askanews) – La crisi economica, e il difficile momento vissuto dal commercio a causa della pandemia, miete una vittima prestigiosa del settore moda a Palermo: chiuderà infatti i battenti il prossimo 31 marzo, lo store di Michael Kors in via Libertà, lasciando senza impiego i sette dipendenti che vi lavorano.

Un addio che lascia l’amaro in bocca dal momento che, come riferito dalla stessa azienda nel corso di un incontro sindacale, proprio la boutique di Palermo risulta essere tra le più performanti d’Italia. La scelta di dire addio a Palermo è dunque da ricercare nel nuovo piano industriale della società di lusso americana, che non vede in quello del capoluogo siciliano un mercato sufficientemente appetibile.

Il prossimo 31 marzo non verrà dunque rinnovato il contratto d’affitto dei locali, e a nulla è valso l’interessamento degli stessi dipendenti all’individuazione di possibili scelte alternative più a buon mercato, in un’ottica di contenimento di costi.

“I sette lavoratori di Palermo sono tra i migliori d’Italia per competenza, professionalità, capacità di vendita e livello di istruzione visto che, peraltro, molti di loro parlano più lingue – ha spiegato Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat Cisl Palermo-Trapani -. Non possiamo permetterci di perdere queste professionalità sul mercato che sono valore aggiunto per  servizi qualificati da rendere soprattutto ai turisti stranieri che ci auguriamo di vedere al più presto tra le nostre vie dello shopping”.

“E’ inconcepibile che l’azienda decida comunque di lasciare la piazza di Palermo, contribuendo all’impoverimento della nostra città. Metteremo in campo tutte le azioni a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti e delle loro famiglie – ha concluso Calabrò – che, da un giorno all’altro, si stanno ritrovando in una situazione di estrema incertezza per il loro futuro occupazionale”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su