Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • ‘Ndrangheta, autobomba a Limbadi: chiuso cerchio su omicidio Vinci

colonna Sinistra
Lunedì 19 ottobre 2020 - 11:15

‘Ndrangheta, autobomba a Limbadi: chiuso cerchio su omicidio Vinci

7 arresti tra cui chi fabbricò e posizionò l'ordigno
‘Ndrangheta, autobomba a Limbadi: chiuso cerchio su omicidio Vinci

Roma, 19 ott. (askanews) – Individuate e arrestate le due persone che fabbricarono e materialmente posizionarono l’ordigno nell’automobile che il 9 aprile 2018 a Limbadi (Vibo Valentia) uccise il biologo caporalmaggiore Matteo Vinci e ferì in modo grave il padre Francesco Antonio.

Il provvedimento cautelare è stato eseguito a carico di 7 persone, accusate, a vario titolo, oltre che dei reati di omicidio e tentato omicidio, anche di danneggiamento, porto di esplosivi, tentata estorsione e traffico di sostanze stupefacenti.

Già erano stati assicurati alla giustizia, a solo un paio di mesi dall’esplosione, i mandanti dell’omicidio, appartenenti alla potente famiglia di ‘ndrangheta dei “Mancuso”.

Secondo gli inquirenti l’attentato è maturato in un più ampio disegno estorsivo posto in essere dai Mancuso, finalizzato all’illecita acquisizione di terreni, alla quale si sarebbe opposta la famiglia Vinci. La mano degli esecutori, invece, sarebbe stata armata dalla necessità di saldare un debito contratto nei traffici di droga.

L’operazione di oggi – diretta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, svolta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia e del Reparto Crimini Violenti del ROS di Roma tra le province di Vibo Valentia e Reggio Calabria – è stata chiamata “Demetra 2”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra