Header Top
Logo
Martedì 30 Novembre 2021

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Strage Bologna, Mollicone: desecretare gli atti

colonna Sinistra
Domenica 2 agosto 2020 - 12:22

Strage Bologna, Mollicone: desecretare gli atti

Il fondatore dell'intergruppo 'La verità oltre il segreto'

Roma, 2 ago. (askanews) – “A 40 anni dalla strage di Bologna, ci batteremo per chiedere verità e giustizia, quel 2 agosto 1980 a Bologna erano presenti terroristi internazionali e italiani legati al gruppo di Carlos ‘lo Sciacallo’, esperti in trasferimenti di esplosivi, spesso per il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, frangia marxista dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina e in connessione con il KGB, e i libici, simili a quello esploso a Bologna o di attentati ai treni come quelli ad una stazione francese”. Così ha detto a RadioRai1 il fondatore dell’intergruppo parlamentare ‘La verità oltre il segreto’, il deputato Federico Mollicone.

“Lo stesso Carlos ha negato la ‘trama nera’ – ha continuato Mollicone – La stessa tesi dei mandanti è molto debole, come già rilevato da Mazzanti e ricostruito attentamente da Romoli su ‘Il Riformista’, il dossier dell’associazione delle vittime, rifiutato inizialmente dalla procura di Bologna, si basa su un prospetto contabile di Gelli e la destinazione di finanziamenti a un misterioso ‘Zafferano’, finanziamenti che, però, essendo in contanti non sono tracciabili, un dossier – inoltre – già smentito in dibattimento”.

E poi “il giudice Gentile, istruttore del processo sulla strage, inoltre, aveva strani e inquietanti rapporti con Abu Saleh, il capo delle operazioni palestinesi in Italia, come rivelato da Pelizzaro e Paradisi su Reggio Report. Abbiamo presentato un’interpellanza al ministro Bonafede per chiedere chiarezza, tramite l’invio di ispettori, su questi rapporti, su come mai Carlos non sia mai stato sentito dagli inquirenti. Se non ritenga necessaria la desecretazione di tutti gli atti relativi alla strage, come i cablogrammi del capocentro del Sismi a Beirut Giovannone e gli atti delle commissioni d’inchiesta, e se non ritenga necessaria la revisione processuale tramite lo spostamento della sede a Roma, data la presenza di numerosi documenti in sedi istituzionali”.

Mollicone ha poi aggiunto: “Come intergruppo, insieme alla collega Frassinetti, abbiamo presentato una proposta di legge per la costituzione di una commissione d’inchiesta sui fatti della Prima Repubblica connessi con lo scenario internazionale, come la strage di Bologna e quella di Ustica. E’ una battaglia per le vittime e i loro familiari. Dopo 40 anni, i familiari di Maria Fresu non hanno ancora ritrovato il corpo, dato che i resti si sono dimostrati appartenenti a un’altra donna. Una vittima ulteriore, probabilmente la trasportatrice dell’ordigno. Esiste un fronte per la verità: sono analisti come Pelizzaro, Paradisi, Cutonilli, giornalisti coraggiosi come Leoni, parlamentari ed ex parlamentari come Raisi. Non ci faremo intimidire”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra