Header Top
Logo
Lunedì 2 Agosto 2021

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Galletti: parte Fase 2, ma giustizia resta al palo

colonna Sinistra
Mercoledì 13 maggio 2020 - 11:35

Galletti: parte Fase 2, ma giustizia resta al palo

L'impegno dell'Ordine è riportare avvocati in udienza

Roma, 13 mag. (askanews) – Al netto delle previsioni governative e della buona volontà di tutti, dei responsabili degli uffici giudiziari e della avvocatura, è mancata una visione unitaria della ripartenza della attività in vista della fase 2; è mancata cioè una procedura che imponesse linee guida condivise per tutti gli uffici giudiziari o almeno nell’ambito del medesimo Distretto”. Così afferma in una nota Antonino Galletti , presidente dell’Ordine degli avvocati di Roma, in un primo giudizio “a caldo” sulla ripresa della giustizia a Roma, ma non solo.

“Il risultato è sotto gli occhi di tutti: ciascuno decide per sé con un proliferare di fonti normative atipiche (linee guida e provvedimenti organizzativi); perfino le singole sezioni dello stesso Tribunale hanno fissato procedure diverse le une dalle altre – prosegue Galletti – e questo genera grandissima confusione nell’utenza, che è costretta a inseguire i vari provvedimenti ovunque”.

“Dal canto nostro, come Ordine forense romano, abbiamo cercato di venire in soccorso dei colleghi, aggiornando continuamente la pagina del sito istituzionale dedicata all’emergenza – https://www.ordineavvocatiroma.it/emergenza-coronavirus – un lavoro certosino del quale va dato merito al Dipartimento Comunicazione e al nostro personale, ma che abbiamo svolto in serena solitudine, senza neppure esserne richiesti, dovendo – anzi – sollecitare in continuazione la condivisione delle notizie.

Se fosse stato il legislatore a fissare le regole, anziché rimettere tutto alla sensibilità locale dei capi degli uffici giudiziari, si sarebbe potuto impostare un lavoro di coordinamento a monte, a livello nazionale. Purtroppo così non è stato”.

Peraltro, l’emergenza non è stata neppure utile per interventi ed investimenti straordinari in termini di personale e presidi di sicurezza. In particolare, la situazione romana rileva una desolante e costante insufficienza del personale amministrativo, aggravata dalla previsione del c.d. lavoro agile che è del tutto inutile laddove il processo non è telematico come in cassazione, nel penale e nella giustizia di prossimità, che dovrebbe essere assicurata dell’ufficio del Giudice di Pace: almeno il Ministro avrebbe potuto sfruttare l’occasione per assumere personale nuovo”.

L’impegno dell’Ordine – prosegue Galletti – è di riportare immediatamente gli avvocati in udienza e di celebrare i processi in tempi europei, laddove la tecnologia deve consentirci di svolgere da remoto tutte le attività di cancelleria, dove occorre nuovo personale già in possesso delle necessarie competenze tecniche”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra