Header Top
Logo
Martedì 25 Gennaio 2022

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Dl Liquidità, commissariamento in arrivo per Agenas: Mantoan in pole

colonna Sinistra
Giovedì 9 aprile 2020 - 15:51

Dl Liquidità, commissariamento in arrivo per Agenas: Mantoan in pole

Resterebbe alla guida anche dell'Aifa e della sanità veneta
Dl Liquidità, commissariamento in arrivo per Agenas: Mantoan in pole

Roma, 9 apr. (askanews) – L’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) sta per essere commissariata e il Governo pensa di nominare l’attuale direttore generale della Sanità della Regione Veneto e presidente di Aifa, Domenico Mantoan, come commissario.

Nel testo del decreto Liquidità, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, si spiega che per “le ragioni legate all’emergenza si prevede che con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro della Salute, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome, sia nominato un commissario straordinario”. Il commissario “assumerà i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione”. Inoltre, sarà scelto tra “esperti di riconosciuta competenza in diritto sanitario, organizzazione, programmazione, gestione e finanziamento del servizio sanitario, anche estranei alla pubblica amministrazione”. Il mandato, come stabilisce il decreto, “cessa con la conclusione dello stato di emergenza”.

La nomina dovrebbe ricadere su Mantoan, 63 anni, medico di origine vicentina, che è il presidente dell’Agenzia italia del farmaco, dal 2010 è il direttore dell’Area Sanità e sociale della Regione Veneto, dal 2012 al 2017 è stato già membro del cda dell’Agenas.

Secondo alcune fonti il ministro della Salute, Roberto Speranza, avrebbe già proposto il nome chiedendo un parere alla Regione Veneto.

Agenas da mesi, dopo la decisione di Speranza di applicare a dicembre lo spoil systems con la rimozione dell’ex Dg Francesco Bevere, era di fatto bloccata dato che lo stesso Bevere e molte Regioni a guida centrodestra avevano presentato ricorso al Tar, che nelle prossime settimane si dovrà pronunciare nel merito.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra