Header Top
Logo
Mercoledì 22 Maggio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Pasqua, tutto esaurito a Napoli e isole ma rischio concorrenza

colonna Sinistra
Martedì 16 aprile 2019 - 15:52

Pasqua, tutto esaurito a Napoli e isole ma rischio concorrenza

Ingenito (Abbac): occorre lavorare per migliorare accoglienza
Pasqua, tutto esaurito a Napoli e isole ma rischio concorrenza

Napoli, 16 apr. (askanews) – Campania piena di turisti per Pasqua. Tutto esaurito per Napoli, Salerno, la Costa d’Amalfi, Penisola sorrentina e isole del golfo partenopeo. Successo anche per il Cilento e le aree interne. E’ questa la sintesi emersa dalle indagini effettuate dall’Osservatorio Turistico Abbac che sta monitorando le prenotazioni del settore extralberghiero. Una media anche di 2,5/3 notti in alcune aree della Campania e un ritorno di stranieri e italiani. Le prenotazioni last minute e i prezzi contenuti low cost e un rinnovato arrivo di americani grazie ai nuovi voli diretti dall’aeroporto di Capodichino per New York e le prossime linee per Dubai potrebbero determinare significativi flussi con maggiore livello di spesa turistica. “Il rinnovato interesse verso i Paesi nord africani e dell’area mediterranea come le nuove tendenze per vacanze mare low-cost di Slovenia, Croazia, Montenegro e Albania metteranno ancora più in concorrenza il nostro sistema turistico per questo avvio della stagione – ha commentato il presidente Abbac e coordinatore nazionale extralberghiero, Agostino Ingenito – Gli sforzi compiuti sulla mobilità sono interessanti anche se il rischio di scioperi, corse soppresse o esigenze sindacali come già capitato negli anni passati per le festività pasquali rischiano di trasformarsi in un cattivo biglietto da visita per i tanti viaggiatori che non comprendono le inefficienze di un sistema infrastrutturale che è interessato da annose questioni ancora aperte come la difficile viabilità e le difficoltà per una mobilità e migliore e diffusa. Occorre lavorare per migliorare la qualità dell’accoglienza, l’organizzazione turistica non ancora allineata a standard minimi accettabili e la formazione degli addetti oltre a combattere abusivismo e irregolarità”, ha concluso Ingenito.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su