Header Top
Logo
Giovedì 21 Ottobre 2021

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maternità asset vincente per imprenditorialità: ecco progetto Maam

colonna Sinistra
Venerdì 8 marzo 2019 - 11:53

Maternità asset vincente per imprenditorialità: ecco progetto Maam

Forza femminile celebrata in occasione Giornata della Donna
Maternità asset vincente per imprenditorialità: ecco progetto Maam

Roma, 8 mar. (askanews) – L’essere mamme può aiutare a realizzarsi ancora meglio come imprenditrici, non il contrario. È questo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, uno dei filoni di innovazione principali presenti nel nuovo rapporto di Ashoka e Citi Foundation “Celebrating ChangemakHERS”, che punta a rivoluzionare il modo in cui il ‘gender gap’ è indirizzato.

La pubblicazione celebra, infatti, la forza delle donne agenti del cambiamento offrendo un’analisi delle barriere e delle opportunità legate alla leadership “in rosa” nel settore dell’innovazione sociale.

Attraverso il progetto Maam di Riccarda Zezza – fra le 40 imprenditrici sociali nominate agenti del cambiamento a livello globale dalla nota ong – si punta a dare maggior rilievo al ruolo delle donne. Si tratta del primo e unico programma formativo al mondo studiato per madri e padri lavoratori, genitori di bambini da 0 a 3 anni. Adottato a oggi da 50 aziende in Italia e con oltre 5.000 utenti tra mamme e papà, il metodo scientifico di Maam trasforma e valorizza le preziose esperienze della genitorialità in competenze relazionali, organizzative e d’innovazione.

Un inedito collegamento, quello con l’esperienza della maternità, che attraverso Maam ha l’obiettivo di innovare radicalmente la leadership femminile. Spesso sotto rappresentate nelle posizioni di vertice, le donne sono rappresentate in maniera differente dal quadro dipinto da Ashoka. Tra gli oltre 3.500 imprenditori sociali di 92 Paesi, il 38 per cento è donna. “Non si tratta di aiutare le donne, ma di aiutare il mondo attraverso le donne. C’è bisogno di loro proprio così come sono”, ha spiegato Riccarda Zezza.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra