Header Top
Logo
Domenica 29 Gennaio 2023

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Genocidio armeni, Maroni: popolo lombardo è solidale con loro

colonna Sinistra
Martedì 9 giugno 2015 - 16:52

Genocidio armeni, Maroni: popolo lombardo è solidale con loro

Aula Consiglio lombardo celebra centesimo anniversario
20150609_165247_EF4904C1

Milano, 9 giu. (askanews) – “Quest’anno ricorre il centesimo anniversario di un genocidio, quello armeno, che è stato per tanti anni negato e dimenticato. Oggi quest’aula commemora oltre1 milione di persone che persero la vita nell’aprile del 1915 solo perché portavano avanti, con la forza delle idee e il coraggio delle ambizioni, l’ideale di un Armenia libera, indipendente, autonoma. Il popolo lombardo, che ho l’onore di rappresentare, è solidale con il popolo armeno e con le ingiustizie che ha subìto nel corso della storia”. Lo ha spiegato presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni nel suo intervento nell’aula del Consiglio Regionale per la commemorazione del genocidio degli armeni.

“La cerimonia di oggi è l’occasione per ribadire la nostra vicinanza agli ideali di libertà e giustizia del popolo armeno e alla sua comunità spirituale, che trova, nella Chiesa apostolica armena, la sua espressione storica e tradizionale” ha proseguito Maroni, ricordando che “la città di Milano ospita una vivace e numerosa comunità armena. La Regione Lombardia, non solo il suo capoluogo, è lieta di ospitare i cittadini armeni e considera una ricchezza l’apporto che questa comunità offre su tutto il nostro territorio”.

“La tragedia del popolo armeno ci rimanda ad altri eventi simili accaduti nel Novecento, secolo in cui il termine ‘genocidio’ è tristemente entrato nel lessico del linguaggio comune” ha proseguito il presidente lombardo, sottolineando che “l’olocausto, le foibe, le pulizie etniche e i totalitarismi hanno messo gli uomini gli uni contro gli altri, creando l’inferno sulla terra”. “Il genocidio armeno è stato, purtroppo, il precursore di tutti i genocidi. Anche Papa Francesco lo ha ricordato di recente, sottolineando il carattere cristiano della nazione armena” ha proseguito Maroni, aggiungendo che “quando ci interroghiamo su questi eventi ci sembra sempre che si riferiscano a un passato remoto, lontano da noi e dal nostro modo di vivere, inconcepibili in un mondo che spesso tende a mettere da parte le realtà scomode o indicibili. Invece sappiamo che ancora oggi ci sono popoli e persone che anelano alla libertà, perché viene loro negata”.

(segue)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su