Header Top
Logo
Martedì 26 Ottobre 2021

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Regioni “preoccupate” per liberalizzazione distribuzione farmaci

colonna Sinistra
Giovedì 19 febbraio 2015 - 21:31

Regioni “preoccupate” per liberalizzazione distribuzione farmaci

Montaldo scrive a Renzi, Lorenzin e Guidi

Roma, 19 feb. (askanews) – Le iniziative per la liberalizzazione della distribuzione dei farmaci, o di parte di essa, destano preoccupazione nelle Regioni. Ad esprimere l’inquietudine del sistema regionale è il Vicepresidente della Liguria, Claudio Montaldo che presiede il Comitato di settore del comparto Regioni-Sanità e che ha inviato nei giorni scorsi una lettera al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e ai ministri della Salute e dello Sviluppo economico, Beatrice Lorenzin e Federica Guidi.

Secondo Montaldo c’è il rischio di “creare un grave danno per la fascia più debole della popolazione assistita dal servizio sanitario e di colpire le farmacie periferiche”. Il vicepresidente ligure sottolinea poi che “la misura prospettata è in assoluta contraddizione con quanto scritto nel Patto per la salute”, laddove “le farmacie sono considerate parte del sistema sanitario e uno strumento per fornire servizi in modo capillare anche nei territori meno densamente abitati”.

“La farmacia, a differenza di un qualsiasi punto di distribuzione commerciale – spiega Montaldo – può offrire informazioni, assistenza e consigli ai pazienti” ed è “ormai in molti casi servizio Cup per prenotazioni e pagamento ticket, rivolto in particolare agli anziani e alle persone con maggiore difficoltà, fino alla vera e propria presa in carico di malati cronici”. Non è un caso che “la nuova convenzione con le farmacie, che stiamo per cominciare a discutere con le associazioni rappresentative del settore” vada proprio “in questa direzione”..

“La nuova convenzione si fonda, infatti, su una visione innovativa della farmacia”, strumento “non più di mera dispensazione di medicinali, ma di servizi di consulenza, di supporto e di prevenzione”.Va poi considerato – scrive ancora Montaldo – che il “maggiore controllo delle prescrizioni, gli acquisti centralizzati e i tetti alla spesa farmaceutica territoriale” e la “parziale liberalizzazione, con la nascita delle parafarmacie” hanno ridotto i volumi di attività, “creando consistenti difficoltà proprio alle farmacie rurali e a quelle decentrate” che sono “quelle più importanti per garantire la capillarità del servizio”.

“La liberalizzazione, così come viene prospettata – conclude Montaldo – metterebbe in difficoltà sicuramente questa parte di imprese e di conseguenza la popolazione di riferimento, senza considerare gli aspetti occupazionali”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su