Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • welfare 4.0
  • Welfare che impresa: un premio alle migliori start up sociali

colonna Sinistra
Lunedì 17 luglio 2017 - 12:15

Welfare che impresa: un premio alle migliori start up sociali

Ripensare il sistema di Welfare sperimentando nuovi servizi capaci di rigenerare il tessuto sociale è la grande sfida al centro della seconda edizione del concorso per idee “Welfare, che impresa!” rivolto alle start up sociali under 35 chiamate a presentare progetti innovativi capaci di favorire la coesione sociale, lo sviluppo e il fare rete.

Il concorso, promosso sulla piattaforma ideaTRE60, da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Golinelli, UBI Banca con il contributo scientifico di AICCON e Politecnico di Milano – Tiresia e la partnership tecnica degli incubatori PoliHub (Milano), SocialFare (Torino), Campania NewSteel (Napoli) premierà i tre migliori progetti negli ambiti della valorizzazione del patrimonio culturale e conservazione del paesaggio, dell’agricoltura sociale, del welfare culturale e inclusivo, dei servizi alla persona e welfare comunitario. I progetti dovranno essere capaci di generare impatto sociale e occupazionale, avere una connotazione fortemente tecnologica, essere promossi sul territorio attraverso la creazione di reti, essere scalabili, replicabili ed economicamente sostenibili rispondendo ai principi della digital social innovation.

Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Golinelli premieranno i tre migliori progetti con un riconoscimento in denaro di 20.000 euro e con un riconoscimento del valore di 5.000 euro per l’incubazione. UBI Banca metterà a disposizione per ciascun vincitore un finanziamento fino a 50.000 euro, a tasso 0, della linea UBI Comunità per soggetti non profit, insieme a un Conto corrente Formula Impresa No Profit, con 36 mesi di canone gratuito. I progetti vincitori si aggiudicheranno inoltre un percorso di incubazione della durata di 4 mesi per l’affiancamento e un ulteriore sviluppo della loro idea progettuale, a cura di PoliHub (Milano), SocialFare (Torino), Campania NewSteel (Napoli).

I promotori si riservano di premiare ulteriori idee progettuali oltre alle 3 sopra riportate per un monte premi complessivo del concorso fino a 300mila euro.

Per inviare la propria idea progettuale c’è tempo fino alle ore 12.00 del 15 settembre. Potranno partecipare alla call le start up sociali under 35 costituite da non più di 5 anni (non successivamente alla data di chiusura delle candidature del concorso del 15 settembre).Il bando completo è disponibile sul sito welfarecheimpresa.ideatre60.it

L’obiettivo principale da perseguire attraverso la costituzione di un welfare di comunità è generare le condizioni per una società del benessere, caratterizzata non solo da una prosperità economica, ma anche da relazioni sociali e dalla qualità dei servizi offerti grazie alla tecnologia come abilitatore dei nuovi modelli imprenditoriali e di imprenditorialità sociale. La spesa per le prestazioni sociali in Italia si attesta in media intorno al 28,6% del PIL, tra i sistemi di protezione sociale europei quello italiano è uno dei meno efficaci. Nel 2015 secondo i dati ISTAT le famiglie residenti in Italia che vivono in condizioni di povertà assoluta sono pari a 1 milione e 582mila, il numero più alto dal 2005 a oggi. E’ necessario quindi innescare una risposta positiva capace di fronteggiare la crescente diffusione di vulnerabilità delle persone coinvolgendo tutti gli attori della comunità e le risorse presenti sul territorio attraverso la tecnologia digitale.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su