Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Lunedì 17 luglio 2017 - 12:36

Il welfare a 360 gradi di TIM

tim

Un pacchetto di servizi e iniziative molto esteso per favorire la sostenibilità economica e sociale e con grande attenzione anche al volontariato e all’inclusione.

Un welfare a 360 gradi per rispondere alle nuove esigenze della sostenibilità economica e sociale, caratterizzato da una ampiezza di servizi e funzioni che ha pochi riscontri nel panorama del welfare aziendale in Italia. E il welfare aziendale ha una lunga storia in TIM e l’azienda ha creato una funzione con questa missione organizzativa dando vita a numerose iniziative che consentono un miglior bilanciamento vita-lavoro.

Nel 2016 le iniziative realizzate hanno riguardato diversi ambiti di attività che spaziano dal work-life balance al family care, dal volontariato all’equity inclusion management, accanto a servixi più tradizionali come assistenza sanitaria, promozione del benessere, mobilità, smart working.

Work-life balance e Family Care:

20 asili nido e 1 scuola materna: oltre ai 9 asili nido e a una scuola materna aziendali (presenti in 8 città), sono attive 11 convenzioni con altrettanti asili esterni; convenzioni di carattere immobiliare, viaggi e vacanze, banche ed istituti finanziari, pay-tv, autonoleggio, trasporti;  41 soggiorni estivi per i figli dei dipendenti per un totale di 7.544 partecipanti; gestione della mobilità per agevolare le persone nel tragitto casa-lavoro attraverso car-pooling, navette aziendali (290 corse giornaliere nelle sedi aziendali in 4 città), rastrelliere per biciclette nelle sedi (1.782 posti bicicletta distribuiti in 29 città e 60 sedi aziendali); circa 10.000 biglietti ed inviti a colleghi e loro familiari per accedere ad eventi di sport, arte, cultura, musica, in aree esclusive; 5 incontri del programma “Push to open: per i figli dei dipendenti (140 ragazzi) si sono tenute delle sessioni per avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro, attraverso un confronto diretto e interattivo con professionisti, esperti delle aziende e testimonianze di giovani in modalità online attraverso webcast e social network; Smart Working effettuato nelle città di Milano, Torino, Bologna, Roma e Palermo ha coinvolto circa 8.800 colleghi con un risparmio di circa 1.100 tonnellate di CO2.

Iniziative di volontariato dei dipendenti:

Sono circa 80 i dipendenti TIM coinvolti in “Programma il Futuro”, iniziativa del MIUR volta a favorire l’introduzione della programmazione informatica nelle scuole primarie, attuata dal CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per Informatica); 1.862 dipendenti hanno rinnovato l’impegno ad aiutare CIAI (Centro Italiano Aiuti all’Infanzia), Comunità di Sant’Egidio e Save the Children, dando la loro adesione all’adozione di bambini a distanza (876 sostegni attivati); 61 giornate di donazione del sangue organizzate presso le sedi aziendali (circa 1.400 donazioni di sangue nell’anno); circa 200 stand allestiti presso le sedi aziendali per la vendita di prodotti solidali o la raccolta di fondi ad opera di associazioni benefiche e onlus, con la partecipazione di dipendenti; oltre 1.000 dipendenti si sono iscritti per partecipare a “Race for the Cure” organizzato dalla Fondazione Susan Komen per aiutare la ricerca contro il tumore al seno.

Equity & Inclusion Management:

Circa 200 dipendenti TIM sono stati impegnati in un progetto di ricerca/intervento per promuovere e diffondere la cultura del Diversity Management in TIM, in partnership con il Consorzio Humanitas e l’Università LUMSA; TIM “Equity & Inclusion Week”, settimana dedicata all’inclusione e la valorizzazione delle diversità come fattore di successo per lo sviluppo delle competenze, realizzata in molte sedi e città dal 28 novembre al 2 dicembre 2016 con oltre 50 eventi; corso di formazione sui “Diritti umani” e corso di formazione su “Dare valore alla diversità”, disponibili per tutti sulla piattaforma e-learning della TIM Academy; attivazione della community #TIM4inclusion: oltre 200 persone TIM impegnate per la diffusione della cultura dell’inclusione; campagna social network “#TIM4inclusion” con quotes di 7 testimonial d’eccezione; presenza di un rimando specifico alle tematiche su equity & inclusion nei principali documenti dell’identità organizzativa codice etico, policy diritti umani, carta dei valori, modello di leadership. TIM è molto attenta anche alla inclusione e alla non discriminazione per genere. Il gruppo prevede l’equiparazione alle coppie conviventi e ai loro bambini/ragazzi (a prescindere dal sesso del partner del dipendente) di permessi, congedi, fruizione di benefit e servizi di welfare;  attivazione dell’affinity group LGBT “TIM Rainbow”; membri del CdA di PARK, Liberi e Uguali, l’associazione delle aziende per la promozione delle persone LGBT nel mondo del lavoro.

Disability Management:

Sono 2.113 i dipendenti TIM con disabilità (dato al 30.11.16) pari a circa il 4% della forza lavoro. Corso di formazione “Gestire la disabilità”, volto a comprendere meglio come relazionarsi con un collega o     un collaboratore con disabilità, disponibile per tutti sulla piattaforma e-learning della TIM Academy; progetto “Comunico-IO”, per aumentare la capacità dei dipendenti affetti da sordità di operare in piena autonomia mediante strumenti tecnologici evoluti; questo include anche agevolazioni tariffarie per i colleghi sordi a cui non viene tariffato mai il servizio di videocomunicazione, sia che lo usino per servizio sia per contattare i propri cari; procedura per rendere disponibili ai colleghi sordi, in forma sottotitolata, i principali materiali video di comunicazione interna e formazione; policy per l’adeguamento automatico delle postazioni di lavoro, fisse e mobili, delle persone TIM con disabilità; caselle di posta elettronica dedicate ai colleghi sordi per consentire loro di comunicare con i principali servizi aziendali (ASSILT, Telemaco, CRALT), oltre a fornire servizi di videochiamata gratis; partecipazione a progetti di ricerca in partnership con centri universitari, sul disability management; collaborazione con Valore D, associazione che raggruppa oltre 150 aziende, con cui TIM ha collaborato per tre progetti di ricerca; membri del CdA di Valore D, l’associazione delle aziende per la promozione della leadership al femminile;  partecipazione di circa 80 persone TIM ai corsi di Skill Building sulla leadership al femminile; attivazione di 2 mentoring interaziendali in partnership con Valore D.

Longevity management:

Maestri di mestiere: 24 dipendenti senior impiegati come professori presso istituti tecnici; 2 edizioni del ciclo di incontri “Generazioni a confronto” per favorire la cultura del dialogo intergenerazionale.

Promozione e supporto della persona e del suo benessere:

TIM offre il servizio di counseling del Centro People Caring (CPC) per la promozione del benessere psico-fisico, gestito da psicologi professionisti su tutto il territorio nazionale. Dalla sua entrata in funzione il Centro ha gestito percorsi di counseling per 378 dipendenti, dei quali 49 nel 2016; “Area benessere” sulla Intranet che raccoglie tutti i servizi offerti dall’Azienda per la salute, la prevenzione e il benessere fisico delle persone, in collaborazione con Fondazione TIM e Fondazione Veronesi; erogazione di sussidi economici per il supporto ai dipendenti in condizione di particolare disagio economico; rimborso delle tasse universitarie, per l’iscrizione al primo anno di Università per i figli meritevoli di 388 dipendenti; erogazione di 120 borse di studio Intercultura per soggiorni all’estero; partecipazione, con la squadra aziendale “TIM Runners” all’edizione 2016 della Race for the Cure (la corsa promossa per la lotta al tumore al seno). Oltre 1000 persone TIM iscritte alle 4 Race di Roma, Brescia, Bologna e Bari. TIM è stata premiata come nuova squadra più numerosa.

Inoltre adesione, con circa 500 iscritti, alla Bike Challenge, una competizione interaziendale volta a incentivare l’utilizzo della bicicletta sia negli spostamenti casa-lavoro sia nel tempo libero, utilizzando una app che misura i km percorsi e la mancata immissione di Co2. Altri servizi sono: Health Care per Noi (Check – up medico): I dipendenti che abbiano compiuto almeno 45 anni possono accedere –con cadenza biennale- ad un percorso di prevenzione sanitaria totalmente gratuito e personalizzabile nell’ambito di programmi sanitari coerenti con i più moderni protocolli.

Prestiti: possibilità di accedere –per motivazioni predefinite ed uguali per tutti- ai prestiti aziendali. Gli importi erogabili ed il numero di rate in cui ripartire la restituzione delle somme sono differenziati per livello inquadramentale; il tasso d’interesse applicato è quello ufficiale di rifinanziamento della Banca centrale Europea (BCE).

Sussidi: erogazione di sussidi economici per il supporto ai dipendenti in condizione di particolare disagio economico

Assicurazioni: Tutti i dipendenti (o i loro aventi diritto) beneficiano di una polizza assicurativa stipulata da Telecom Italia che garantisce una somma in caso di morte e di invalidità permanente causate da infortunio professionale ed extraprofessionale; il personale dirigente e quadro beneficia di una ulteriore polizza in caso di morte e di invalidità permanente per causa diversa dall’infortunio.

Permessi e agevolazioni finalizzate alla conciliazione vita/lavoro:

Permessi mamma e papà

Si tratta di un istituto che consente ai genitori di fruire di permessi a ore o a giornate intere compensando la minore presenza con prestazioni rese entro il trimestre solare di competenza. I permessi sono destinati ai genitori di bambini fino a undici anni di età (dieci anni e 364 giorni di età). Non ne è destinatario il personale direttivo, quello venditore nonché coloro che operino in analoghe condizioni di flessibilità. La stessa possibilità è data ai genitori adottivi – adozione o affidamento preadottivo di minori, affidamento temporaneo di minori – purché gli affidati siano fiscalmente a carico degli affidatari.

Prestiti “Mamma e Papà”

E’ prevista la possibilità per le mamme e i papà, con figli da 0 a 11 anni di fruire di prestiti per importi fino ad un massimo di 2500 euro. Il prestito può essere concesso per ciascun figlio da 0 a 11 anni compiuti, risultante dall’estratto di nascita.

Permessi per corsi di preparazione parto

Si tratta di permessi a recupero fruibili a decorrere dal sesto mese di gravidanza. Possono essere fruiti contemporaneamente da entrambi i dipendenti “futuri genitori”.

Permessi studio

Ad integrazione dei permessi previsti dall’art. 34 del CCNL TLC 1 Febbraio 2013, è riconosciuta ai lavoratori studenti universitari la possibilità di fruire, a giornate intere o a semi-turni, di cinque giorni di permesso annuale – riproporzionati per il personale con rapporto di lavoro a tempo parziale verticale o misto – da recuperare entro il 31 Dicembre dell’anno di fruizione (1 Gennaio – 31 Dicembre).

Assilt (Associazione per l’Assistenza Sanitaria Integrativa ai lavoratori delle Aziende del Gruppo Telecom Italia:

L’Assilt è un’associazione non riconosciuta istituita con accordo sindacale del 30 luglio 1980 fra SIP e Federazione Telecomunicazioni Lavoratori (FLT) in sostituzione della Cassa Mutua Malattie. L’Associazione persegue, senza fini di lucro, lo scopo di erogare a favore dei Soci e dei Beneficiari prestazioni integrative di quelle fornite dal Servizio Sanitario Nazionale, ivi comprese – in concorso con le strutture sanitarie pubbliche – l’effettuazione di ricerche, indagini conoscitive ed interventi di prevenzione sanitaria di gruppo ed individuali, nonché la promozione di iniziative di educazione sanitaria a tutela della salute e dell’integrità fisica dei soci medesimi e degli altri soggetti indicati. L’Associazione è rivolta ai dipendenti, in servizio ed in pensione, delle Aziende del Gruppo Telecom Italia ed i loro familiari a carico appartenenti al nucleo familiare anagrafico del socio, non aventi diritto ad altra forma di assistenza sanitaria integrativa erogata da altre Associazioni o Fondazioni.

L’iscrizione all’Associazione è su base volontaria e, ad oggi, le adesioni raggiungono circa il 98% della popolazione avente diritto.

CRALT (Circolo Ricreativo Aziendale per i Lavoratori delle Aziende del Gruppo Telecom Italia):

Il Circolo istituito nel 1977, ha lo scopo di promuovere e realizzare tra i soci attività di natura sociale, prioritariamente a carattere nazionale, finalizzate principalmente alla valorizzazione del tempo libero, attraverso iniziative nei settori dello Sport, Turismo, Cultura e Ricreazione.

Telemaco (Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori del settore delle Telecomunicazioni):

Il Fondo ha lo scopo di consentire agli aderenti di disporre, all’atto del pensionamento, di prestazioni pensionistiche complementari del sistema obbligatorio. A tale fine esso provvede alla raccolta dei contributi, alla gestione delle risorse nell’esclusivo interesse degli aderenti e all’erogazione delle prestazioni secondo quanto disposto dalla normativa in materia di previdenza complementare. Il Fondo non ha scopo di lucro. Il finanziamento del Fondo può essere attuato mediante il versamento di contributi a carico del lavoratore, del datore di lavoro e attraverso il conferimento del TFR maturando ovvero mediante il solo conferimento del TFR maturando.

ASSIDA (Associazione per l’Assistenza Sanitaria Integrativa Dirigenti Aziende del Gruppo Telecom Italia):

ASSIDA opera in regime di contribuzione definita e persegue lo scopo esclusivo di erogare a favore degli associati prestazioni assistenziali integrative ed accessorie dell’assistenza sanitaria fornita dal Servizio Sanitario Nazionale, nei limiti dei contributi globalmente versati .

L’evoluzione della industry delle TLC verso i modelli di Digital Telco, l’evoluzione tecnologica delle infrastrutture e le sfide del mercato legate allo sviluppo di nuovi servizi digitali e innovativi, si inseriscono nel quadro di un mercato del lavoro in profonda trasformazione, che impone di ripensare processi e servizi e di far evolvere nuove competenze e figure professionali che siano in grado di interpretare al meglio le nuove opportunità.

Pertanto, anche il welfare aziendale è interessati da una fase di riprogettazione profonda che porterà ad una proposta rinnovata di servizi, con particolare attenzione al fenomeno della “work longevity”.

Permessi solidali:

Introdotti in via sperimentale nel 2017: le persone di TIM S.p.A. possono cedere a titolo gratuito e definitivo a beneficio di altro dipendente, un massimo 15 ore e 16 minuti di permessi sostitutivi delle festività religiose soppresse. La cessione da parte dei colleghi avviene a titolo gratuito e definitivo. Potranno beneficiare dell’istituto, coloro che in presenza di comprovati gravi motivi familiari e personali, abbiano già esaurito l’intera spettanza dei permessi contrattualmente previsti nonché delle ferie e di ogni altra tipologia di permesso legalmente e contrattualmente disponibile, ad eccezione dei permessi di cui alla Legge n. 104/1992.

Premio di risultato e servizi di welfare:

Con il recente accordo sul Premio di Risultato 2017-2019 del 13.6.2017  è stata introdotta una importante novità:  l’importo individuale del Premio di Risultato può essere convertito,  totalmente  o in parte (100%, 75%, 50%) in servizi di welfare, anche in forma di voucher. In questo caso il controvalore dei servizi scelti dal lavoratore non sarà sottoposto ad imposizione né fiscale né contributiva.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su