Header Top
Logo
Sabato 22 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Lunedì 17 luglio 2017 - 12:58

Parte in Alto Adige la rete per il welfare aziendale

Sono 10 le aziende aderenti ma il numero è destinato a salire.

Si chiama Rete Welfare Alto Adige/Südtirol e raggruppa dieci aziende con complessivamente 2.700 dipendenti la nuova rete di impresa presentata oggi presso la sede di Assoimprenditori Alto Adige. Obiettivo della rete è offrire a collaboratrici e collaboratori prestazioni di welfare aziendale nei più diversi settori: dalla salute alla previdenza passando per formazione, wellness, svago e shopping. Il contratto di rete è stato sottoscritto da imprese associate di varie dimensioni e operanti in diversi settori: si tratta di Aquaeforst, Birra Forst, Ecorott, Intercable, Loacker, Röchling Automotive (con Röchling Automotive Italia, Röchling Automotive Filters e Röchling Automotive Srl), Thun e TPA. Assoimprenditori Alto Adige ha accompagnato la costituzione della rete con il supporto di RetImpresa, l’Agenzia di Confindustria per le reti di impresa.

“La rete – spiega Antonello Montante, presidente di RetImpresa – è una grande opportunità per sperimentare nuove forme di sinergia e coinvolgere e valorizzare anche imprese di minori dimensioni che da sole avrebbero più difficoltà ad offrire piani di welfare strutturati. Questa iniziativa rientra in un progetto di sistema più ampio per la diffusione delle reti di impresa, sulle quali Confindustria punta come strumento di cooperazione trasversale per la crescita competitiva di aziende e territori e modello culturale per una società più inclusiva e corresponsabile”.

La presidente di Rete Welfare Alto Adige/Südtirol, Tamara Tonioni (HR Director Europe South di Röchling Automotive), sottolinea come il welfare aziendale sia un vantaggio sia per le imprese che per i dipendenti: “Il welfare aziendale costituisce un insieme di benefit che l’impresa mette a disposizione dei propri dipendenti al fine di sostenere il loro reddito e migliorare la vita privata e lavorativa. Per le imprese aderenti alla rete, investire sul welfare aziendale significa rafforzare il benessere delle persone, la competitività aziendale e il rapporto tra l’impresa e il territorio. Con questo accordo dimostriamo che le nostre aziende sanno essere innovative sotto molti punti di vista”.

Grazie alle disposizioni introdotte in Italia dalla Legge di Stabilità, i benefit erogati a titolo di welfare aziendale non vengono tassati. In questo modo si aumenta la retribuzione reale per il dipendente. L’utilizzo della rete consente inoltre di rafforzare il potere contrattuale rispetto ai fornitori dei vari servizi garantendo così ai collaboratori accesso ai migliori servizi a prezzi più vantaggiosi. Viene infine favorita la conciliazione famiglia-lavoro, in quanto ogni collaboratrice/collaboratore può personalizzare il proprio paniere di benefit in base alle esigenze personali e a quelle della propria famiglia.

Il progetto poggia su una piattaforma online sviluppata e gestita da Willis Towers Watson. Le imprese aderenti a Rete Welfare Alto Adige/Südtirol definiscono un paniere di benefit di welfare aziendale in base alle esigenze dei propri dipendenti. Accedendo alla piattaforma online e utilizzando il budget di spesa assegnato dalla propria azienda, il lavoratore può scegliere autonomamente il proprio personale pacchetto di benefit tra quelli disponibili, aggiungerli al carrello e infine acquistarli direttamente o tramite rimborso. Il direttore di Assoimprenditori Alto Adige, Josef Negri, ha sottolineato la rilevanza dell’iniziativa per il territorio: “Per la nostra associazione questo progetto riveste una duplice importanza: da un lato, attraverso il contratto di rete, favoriamo l’aggregazione e la collaborazione tra imprese, dall’altro dimostriamo con misure concrete la responsabilità sociale delle nostre aziende associate. Nei prossimi mesi puntiamo a rafforzare ulteriormente la rete allargandola ad altre aziende e coinvolgendo partner e fornitori locali per inserire i loro servizi nel pacchetto di benefit a disposizione dei dipendenti”.

L’iniziativa sta alimentando interesse. Da Assoimprenditori indicano che diverse aziende hanno chiesto informazioni in vista di una possibile adesione. Intanto una grande impresa locale ha già presentato domanda di adesione al progetto. “Non abbiamo obiettivi quantitativi – osserva Assoimprenditori – le aziende hanno la massima libertà. Inoltre le aziende che aderiscono definiscono singolarmente il proprio pacchetto di benefit e il relativo valore economico. L’unico elemento comune è la piattaforma offerta dalla Willis Towers Watson”. Il progetto non è una novità in Italia. Iniziative analoghe sono già state avviate in sette realtà tra le quali le associazioni industriali di Trento, Reggio Emilia, Brescia. Assoimprenditori comunque non esclude che l’associazione sviluppi una propria iniziativa sul welfare.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su