Header Top
Logo
Mercoledì 26 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • welfare 4.0
  • Corbello (Assoprevidenza): obbligatoria l’assicurazione LTC

colonna Sinistra
Lunedì 17 luglio 2017 - 12:22

Corbello (Assoprevidenza): obbligatoria l’assicurazione LTC

Si è svolta a Roma l’edizione 2017 degli Stati generali dell’Assistenza a lungo termine, promossa dall’associazione Italia Longeva, presso il Ministero della Salute. Nel corso della “due giorni” (11 e 12 luglio) sono stati affrontati i problemi che derivano dall’aumento medio dell’età e dell’aspettativa di vita, in relazione ai rischi della non autosufficienza. La soluzione Long-Term Care risponde con un costo individuale assai contenuto a un bisogno che coinvolge un numero sempre maggiore di famiglie e richiede un ripensamento dei modelli di organizzazione sanitaria e di protezione assicurativa. Il presidente di Assoprevidenza, Sergio Corbello, ha rilanciato la proposta dell’Associazione (Assoprevidenza, è l’Associazione per la previdenza e l’assistenza integrativa): rendere obbligatoria anche in Italia l’assicurazione cosiddetta LTC (Long-Term Care) che interviene – con un sostegno economico o con la fornitura di servizi per tutto l’arco della vita – in caso di perdita dell’autosufficienza, una condizione che il progressivo invecchiamento della popolazione costringe sempre più famiglie italiane ad affrontare anche economicamente.

“La soluzione LTC – ha affermato Sergio Corbello – non solo esalta la solidarietà intergenerazionale insita in questo tipo di copertura, ma ne rende anche assai contenuti i costi individuali”.

Il presidente di Assoprevidenza, che ha partecipato alla tavola rotonda “Sostenibilità economica dei servizi della Long-Term Care: modalità di supporto da parte delle aziende private e novità nelle pubbliche”, ha ribadito anche la necessità non rinviabile di superare la barriera che oggi tiene separate previdenza e assistenza complementari: in un contesto di lavoro precario e alta disoccupazione giovanile, con la vita media della popolazione che si allunga e uno Stato sociale sempre meno in grado di rispondere ai bisogni delle persone e delle famiglie, l’unica strada – secondo Sergio Corbello – è quella dei servizi integrati di welfare per i quali si realizzino anche forme di collaborazione virtuosa tra pubblico e privato.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su