Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Francia, torna l’incubo terrorismo dopo l’attacco a Nizza

VIDEO
colonna Sinistra

Francia, torna l’incubo terrorismo dopo l’attacco a Nizza

Uccise 3 persone in chiesa. Sullo sfondo lo scontro Macron-Islam

Nizza, 29 ott. (askanews) – Un attacco “terroristico” nel cuore della cristianità, la Cattedrale di Notre Dame a Nizza, nel giorno della festività di Mawlid, che onora la nascita del Profeta Maometto. Erano le 9 del mattino quando Brahim, così ha detto di chiamarsi l’attentatore, ha fatto irruzione nella chiesa impugnando un coltello. Uccide tre persone, in maniera brutale. Una delle vittime è “quasi decapitata”. Un’altra è sgozzata. La terza vittima è morta in un bar dove si era rifugiata dopo essere stata accoltellata. Intanto, il 25enne Brahim urlava ripetutamente Allah Akbar. È ferito gravemente e ricoverato in rianimazione ma ha fatto in tempo a rivendicare la paternità dell’attacco.

La procura antiterrorismo ha aperto un’indagine per risalire alla sua esatta identità e per capire se ha agito da solo.

Sono giorni che la Francia si sente sotto attacco. Almeno dalla truce uccisione di Samuel Paty, il professore di storia decapitato dopo avere mostrato ai suoi studenti alcune vignette di Maometto, pubblicate dal giornale Charlie Hebdo. E le parole di Emmanuel Macron sull’Islam e il suo Profeta hanno contribuito non poco ad esacerbare gli animi delle comunità musulmane, che hanno denunciato le posizioni del presidente francese come un’istigazione all’odio.

Non sono mancate le proteste di piazza in alcuni paesi a maggioranza musulmana, senza contare il duro scontro in corso fra Macron ed il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su