Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Artico, continua ad abbassarsi il livello del ghiaccio marino

VIDEO
colonna Sinistra

Artico, continua ad abbassarsi il livello del ghiaccio marino

Greenpeace: registrato il secondo dato più basso di sempre

Milano, 22 set. (askanews) – Il ghiaccio marino in Artico continua drammaticamente a ridursi, al punto da aver raggiunto il secondo livello più basso mai registrato finora, l’allarme lo lancia Greenpeace.

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato il dato relativo al 2020 dell’estensione minima del ghiaccio marino artico, pari a una superficie di 3,74 milioni di chilometri quadrati, probabilmente raggiunta il 15 settembre.

L’estensione misurata quest’anno è la seconda più bassa mai registrata. Il ghiaccio marino dell’Artico ha già perso due terzi del suo volume e negli ultimi decenni l’estensione è diminuita costantemente.

“È un chiaro segnale di quanto il nostro pianeta sia in pericolo – ha commentato Laura Meller di Greenpeace Nordic che in questo momento è a bordo della nave Arctic Sunrise in Artico – con lo scioglimento dei ghiacci, l’oceano assorbe più calore e tutti noi diventiamo più esposti agli effetti devastanti dell’emergenza climatica”.

La calotta artica è un oceano ghiacciato che ha bisogno di protezione. Oceani sani sono cruciali per la salvaguardia della biodoversità e delle popolazioni più emarginate del mondo, che subiscono l’impatto della distruzione degli ecosistemi marini e dei cambiamenti climatici, poi contribuiscono a ridurre gli impatti della crisi climatica, tenendo il carbonio al di fuori dell’atmosfera.

Per questo, bisogna proteggere almeno il 30% degli oceani entro il 2030. Gli scienziati hanno identificato l’Artico come una delle aree prioritarie che necessitano di protezione come parte di una rete globale di santuari oceanici.

La spedizione della Arctic Sunrise coincide con il Summit delle Nazioni Unite sulla Biodiversità, durante il quale proprio la protezione dell’ambiente marino dovrebbe essere al centro dei colloqui.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su