Header Top
Logo
Giovedì 9 Luglio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Coronavirus, Renzi: video diffamante contro miei figli, denuncio

VIDEO
colonna Sinistra

Coronavirus, Renzi: video diffamante contro miei figli, denuncio

"Si dice che violiamo quarantena, follia totale"

Roma, 3 apr. (askanews) – Un video amatoriale che riprende da lontano Matteo Renzi e alcuni suoi familiari mentre giocano a volley in giardino. Nel filmato una voce fuori campo commenta che a giocare sono “il figlio e gli amici del figlio di Renzi” “portati al campo dalla scorta” del politico fiorentino. Il leader di Italia Viva denuncerà la persona che ha realizzato il video con lo smartphone. Lo ha annunciato attraverso i social network: “Continua la violenza diffamatoria contro di me e contro la mia famiglia – ha scritto su Facebook – Da qualche ora gira un video in cui si sostiene che i miei figli violino la quarantena e che ci siano degli amici prelevati dalla scorta a casa loro e portati tutti i giorni qui per divertirsi. Follia totale! Il video è pieno di assurdità costruite ad arte violando non solo la privacy ma soprattutto il codice penale. Chi ha visto quel video sa che non sono gli amici di mio figlio ma siamo noi cinque, babbo mamma e figli. Una famiglia che ha la fortuna di avere un giardino e che sta insieme in giardino. Riprendere l’interno della proprietà altrui, in presenza di minori, raccontando il falso: ci diranno anche stavolta che è questione di trasparenza? O finalmente qualcuno inizierà a pagare per l’odio che diffonde?”.

“Ci sono migliaia di morti – aggiunge Renzi – e mi dispiace dover fare un post su questi temi, così piccoli rispetto alla tragedia di queste ore. Ma è bene essere chiari: chi mi vuole attaccare, mi attacchi per le mie idee. Diffondere falsità per attaccare i miei figli non è solo illecito ma è anche meschino. Ho pagato un prezzo altissimo per le fakenews. Ma proprio per questo non accetterò che adesso provino a mettere in mezzo i miei figli.Chiederemo i danni in ogni sede, civile e penale”, ha concluso l’ex segretario del Partito Democratico.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su