Header Top
Logo
Lunedì 19 Agosto 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
VIDEO
colonna Sinistra

Spazio, iniziata la missione Esa “Beyond” di Luca Parmitano

Sei gli esperimenti dell'Asi per l'astronauta italiano sull'Iss

Milano, 22 lug. (askanews) – Con l’ingresso nel modulo russo Zvezda della Stazione Spaziale internazionale è ufficialmente iniziata la missione “Beyond” dell’astronauta italiano dell’Esa e colonnello pilota sperimentatore dell’Aeronautica Militare, Luca Parmitano. Parmitano è in orbita sull’Iss per la sua seconda missione di lunga durata dopo “Volare” dell’Asi, nel 2013. Con lui i suoi colleghi d’equipaggio della Expedition 60/61: il cosmonauta russo di Roscosmos, Aleksander Skvortsov e l astronauta americano della Nasa, Andrew Morgan.

La cavalcata spaziale di Luca Parmitano e i suoi colleghi è iniziata nel pomeriggio del 20 luglio 2019. Mentre il mondo si apprestava a celebrare i 50 anni dell’uomo sulla Luna, lui e i suoi colleghi salutavano famiglie e amici per ricordare quell’epica impresa nel migliore dei modi; partendo loro stessi per lo Spazio. Con tutti i rituali del caso: il saluto alle autorità, il percorso a piedi verso il razzo Soyuz, l’imbarco sulla navetta Ms-13 e il lancio, avvenuto regolarmente alle 18.28 ora italiana.

Il volo verso la base spaziale è durato circa 6 ore. Una rincorsa durante la quale la navetta, prima di agganciarsi alla Iss, ha dovuto compiere una serie di manovre d’assetto e correzioni di traiettoria. Poco prima dell’attracco i due veicoli sono transitati esattamente sopra l’Italia, consentendo agli appassionati più attenti di poter osservare da terra praticamente dal vivo l’arrivo di @astro_Luca sulla Iss.

Durante la sua permanenza sulla stazione, Parmitano dedicherà buona parte del tempo all attività scientifica, impegnato a seguire oltre 200 esperimenti, 50 dei quali europei e 6 sviluppati dall Agenzia spaziale italiana: NUTRISS, Acoustic Diagnostics, Amyloid Aggregation, LIDAL, Xenogriss e Mini-EUSO. Alcuni di essi sono già sulla Stazione, gli altri saranno lanciati tra agosto e dicembre. Gli esperimenti riguardano diversi settori di ricerca: fisiologia umana, biochimica, biologia, dimostrazione tecnologica e osservazione della Terra.

Quando il russo Aleksej Ovcinin lascerà la Stazione Spaziale, al termine della Spedizione 60, nel mese di ottobre 2019, inoltre, il colonnello Parmitano sarà il primo italiano – e terzo europeo in assoluto – ad assumere il ruolo di comandante della Stazione per la Spedizione 61.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su