Header Top
Logo
Lunedì 22 Luglio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • La Corte europea di Strasburgo respinge richiesta della Sea Watch

VIDEO
colonna Sinistra

La Corte europea di Strasburgo respinge richiesta della Sea Watch

Di imporre all'Italia lo sbarco come "misura provvisoria"

Roma, 25 giu. (askanews) – Strasburgo ha respinto il ricorso della Sea Watch. La Corte europea dei Diritti dell’Uomo ha deciso di non applicare le “misure provvisorie” richieste dalla nave, e di non chiedere

dunque alle autorità italiane di far sbarcare i migranti soccorsi

in mare e da giorni a bordo della nave, alla quale è stato

impedito di entrare nel porto di Lampedusa.

Stanchi, sfiniti, esausti. I 42 migranti che da 12 giorni si trovano a bordo della Sea Watch a 16 miglia da Lampedusa hanno lanciano un appello: fateci sbarcare.

Le condizioni di salute, dice la portavoce di Sea Watch Italia, Giorgia Linardi, sono “preoccupanti”: “La temperatura durante il giorno è alta, le persone sono sul ponte al caldo, la notte dormono sul ponte: non siamo su una nave da crociera”.

In un’intervista a Repubblica la capitana tedesca trentunenne Carola Rackete aveva dichiarato di essere pronta a forzare la situazione qualora non fosse arrivata una soluzione.

Mentre in un video, pubblicato da Forum Lampedusa Solidale, uno dei migranti soccorsi in mare, aveva lanciato un allarme:

“Non ce la facciamo più, la barca è piccola e non possiamo muoverci. Non c’è spazio. L’Italia non ci autorizza a sbarcare, chiediamo il vostro aiuto, chiediamo l’aiuto delle persone a terra. Pensateci perché qui non è facile”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su