Header Top
Logo
Sabato 23 Marzo 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • “I ruderi del gulag”, nuovo singolo del Banco del Mutuo Soccorso

VIDEO
colonna Sinistra

“I ruderi del gulag”, nuovo singolo del Banco del Mutuo Soccorso

Anticipa il nuovo album Transiberiana, in uscita il 10 maggio

Roma, 15 mar. (askanews) – Il Banco del Mutuo Soccorso, la banda progressive rock italiana che ha recentemente annunciato la firma con Inside Out Music/Sony Music Group, presenta “I ruderi del gulag”, il primo singolo – di cui è disponibile il lyric video – del nuovo album “Transiberiana”, in uscita il 10 maggio 2019, primo album di inediti in 25 anni.

Un brano composto da Vittorio Nocenzi e il figlio Michelangelo Nocenzi. I testi sono stati curati dallo stesso Vittorio con l’ausilio di Paolo Logli, scrittore e sceneggiatore molto vicino al Banco sin dagli anni ’70.

“I ruderi del gulag” racconta di un incontro tra persone che stanno facendo un viaggio verso la meraviglia e lo stupore, con l’animo aperto ad accogliere le diversità, e trovano invece un luogo dove la diversità è stata repressa e perseguitata come pericolosa.

L’ultimo album del Banco del Mutuo Soccorso “13” risale al 1994. Dopo tutti questi anni e dopo la perdita di due membri fondatori, il Banco è tornato per confermare la propria importanza nel panorama progressive internazionale. Il Banco del Mutuo Soccorso è nato a Roma nel 1969 e grazie all’influenza di band inglesi del calibro di Gentle Giant, Genesis, Jethro Tull ed Emerson, Lake & Palmer è stato in grado di forgiare il suo caratteristico sound, complesso e dinamico allo stesso tempo.

“Transiberiana” non è solo il nuovo album del Banco del Mutuo Soccorso – composto da Vittorio Nocenzi (piano, tastiera e voce), Filippo Marcheggiani (chitarra), Nicola Di Già (chitarra ritmica), Marco Capozi (basso), Fabio Moresco (batteria) e Tony D Alessio (voce) – ma il riflesso di tutta la carriera e della band oggi.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su