Header Top
Logo
Sabato 23 Marzo 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Reggio Calabria, arrestato l’uomo che ha dato fuoco alla moglie

VIDEO
colonna Sinistra

Reggio Calabria, arrestato l’uomo che ha dato fuoco alla moglie

Ciro Russo, 42; Conte: nessun sentimento giustifica femminicidio

Roma, 14 mar. (askanews) – L’uomo che è fuggito dai domiciliari per dare fuoco alla ex moglie, è stato arrestato mercoledì 13 marzo a Reggio Calabria.

Ciro Russo, pregiudicato di 42 anni di Ercolano (Napoli), è ora accusato di tentato omicidio aggravato. È stato fermato nei pressi di una pizzeria, una fuga durata circa 24 ore.

La donna, Maria Antonietta Rositani, anche lei 42 anni, è stata aggredita la mattina del 12 marzo: Ciro ha gettato del liquido infiammabile dentro l’auto davanti a una scuola a Reggio Calabria. Maria Antonietta è tuttora ricoverata con gravi ustioni su tutto il corpo al Policlinico di Bari.

“Chi commette reati del genere deve marcire in galera”, ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

L’aggressione segue due terribili femminicidi avvenuti il 7 marzo 2019: uno a Napoli, dove un uomo ha picchiato a morte la moglie e ha poi chiamato il 118, l’altro a Messina, dove un 26enne ha strangolato la compagna 29enne; e segue anche le polemiche per due sentenze della magistratura degli ultimi giorni, che hanno ridotto le pene a due uomini condannati per l’assassinio della compagna.

Il premier Giuseppe Conte, in un lungo post su Facebook, ha sottolineato come “nessuna reazione emotiva, nessun sentimento, pur intenso, può giustificare o attenuare la gravità di un femminicidio”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su